Tempo di lettura: 2 Minuti

Concorso scuola: Bologna presa d’assalto

Concorso scuola: Bologna presa d’assalto

“C’è di tutto, si è scatenata la lotteria del posto fisso. Ma non ci saranno poi tanti posti a disposizione”. #FacceCaso. È guerra tra docenti per un

Bridge: l’app per sincronizzare le notifiche su tutti i tuoi dispositivi
Tripadvisor in campo contro le molestie
Hibye, scopriamo il nuovo social italiano

“C’è di tutto, si è scatenata la lotteria del posto fisso. Ma non ci saranno poi tanti posti a disposizione”. #FacceCaso.

È guerra tra docenti per un posto fisso alle medie e alle superiori. Tante, troppe, sono state le domande arrivate all’Ateneo di Bologna per iscriversi ai corsi in vista del concorso .

Quando arriverà il bando occorrerà essere pronti: per accedere al concorso ci vuole la laurea con alcuni esami specifici in antropologia, pedagogia, psicologia e metodologie didattiche.

Chi non li ha, potrà rimediare iscrivendosi ai singoli corsi predisposti dalle Università.

Quella di Bologna è stata praticamente presa d’assalto. Uffici accademici sommersi dalle pratiche, la corsa a cercare aule e docenti, i disagi segnalati dagli aspiranti insegnanti.

“C’è di tutto, si è scatenata la lotteria del posto fisso. Ma non ci saranno poi tanti posti a disposizione”. Afferma Luigi Guerra, direttore di Scienze dell’educazione.

Per adesso l’ateneo è riuscito a vagliare 5.184 domande per capire se i curricula dei candidati sono adeguati o meno ad accedere al concorso. Ieri sono partite le prime lezioni: tre gruppi di circa 200 persone.

Il problema è che il Coordinamento precari contesta l’impossibilità di prenotarsi senza sapere prima quali crediti sono stati riconosciuti.

“Essere informati per tempo e messi in condizione di frequentare è un diritto, ancora più importante se si pensa che la seconda prova verterà” sulle materie dei corsi.

C’è pure la questione delle lezioni serali e nel weekend per chi lavora. “Comprendo il disagio, ma stiamo facendo il massimo. Le responsabilità stanno a monte, in un decreto ministeriale che ha scaricato il peso sulle università. La stessa conferenza dei rettori si è mossa in modo lacunoso. Nemmeno ci dicono quando sarà il concorso, abbiamo fatto partire la macchina in fretta per garantire a tutti i crediti necessari: sarebbe inaccettabile non preparare tutti prima della prova”.

L’ateneo intanto corre ai ripari. 40 docenti sono al lavoro per sostenere i corsi che costano 120 euro, per sei crediti da acquisire anche senza frequenza.

“Tre corsi sono già pieni, ne faremo altri con sessioni speciali per i non frequentanti nostra intenzione è stare dalla parte degli studenti”.
Assicura Guerra.

Questo è solo il primo dei tre concorsi previsti quest’anno. Chi lo supera potrà accedere a tre anni di formazione, con bassi compensi, prima di entrare in ruolo.

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0