Tempo di lettura: 3 Minuti

Brexit: che confusione!

Continua a far parlare di sé l’Inghilterra, ma nessuno ci vede chiaro su alcuni punti. Di Ludovica Gentili Come accade per ogni argomento, a furia di

Brexit-Italia sul ring
Medici senza speranze. Siamo in Italia
Brexit: Oxford pensa di portare una sede a Parigi

Continua a far parlare di sé l’Inghilterra, ma nessuno ci vede chiaro su alcuni punti.

Di Ludovica Gentili

Come accade per ogni argomento, a furia di sentirne parlare ci si stanca di ascoltare, sopratutto se le informazioni sono tante e confuse e di dubbia veridicità.

Questo è quello che sta accadendo anche in merito alla questione “Brexit” della quale non si fa altro che parlare, una decisione con il suo peso, certo, un avvenimento con un’importanza significativa, ma se le informazioni fossero limpide e non uscissero di continuo fuori colpi di scena, inganni e tutti gli ingredienti propri di una soap opera delle più condite, forse la cosa verrebbe presa un po’ più sul serio.

A conti fatti e a decisioni prese, puntuali giungono tutti i “fuori onda” loschi di ogni istituto giuridico elettorale degno di questo mondo, aggiungendo al tutto un pizzico di indecisione giovanile sul voler o meno uscire dall’Unione Europea contro gli anziani che dopo quaranta anni ancora non sanno cosa sia l’UE, ne comprendono il senso di averne fatto parte, l’unico particolare è che la scelta è già stata fatta e indietro non si torna.

A quanto pare non tutti la pensano allo stesso modo, lì dove scorre il Tamigi, ma regna una gran confusione, chi parla di referendum illegale, chi di frattura tra generazioni e non mancano i pensionati che temono di perdere la propria rendita vitalizia.
Ciò che risulta certo è che

non si conoscono con precisione i dati relativi ai giovani,

i quali, stando ad alcuni calcoli sembrerebbe che non abbiano proprio espresso il voto , ma restano molti punti da chiarire.

Se non altro, con tutto il clamore prodotto dall’uscita del Regno Unito dall’ UE e la varietà di discussioni argomentate, nate in questi giorni, molti inglesi avranno finalmente capito di cosa hanno fatto parte per tutti questi anni.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0