Tempo di lettura: 2 Minuti

Ricercatori dell’Università di Bari ad Istanbul durante il golpe

Ricercatori dell’Università di Bari ad Istanbul durante il golpe

Gli scienziati sarebbero stati raggiunti telefonicamente e starebbero bene. Venerdì notte in Turchia un gruppo armato facente parte dell’esercito rego

La Turchia di Erdogan nelle mani della repressione
Turchia, Erdogan rivoluziona la scuola e torna alle origini
La Turchia blocca Tor e tutto il Deepweb

Gli scienziati sarebbero stati raggiunti telefonicamente e starebbero bene.

Venerdì notte in Turchia un gruppo armato facente parte dell’esercito regolare ha tentato di prendere il paese con la forza. Ed ha fallito. Decine i civili che hanno perso la vita, al solito inutilmente. Il primo ministro Erdogan è rimasto saldo sul suo scranno, non è cambiato niente.

Quella sera, quella triste sera, ad Istanbul erano presenti anche diversi nostri connazionali, tra cui numerosi ricercatori dell’Università di Bari. Secondo fonti interne dell’università, i ricercatori sarebbero rimasti tutta la notte in albergo, trincerati nelle stanze, come espressamente richiesto loro dal nostro Ministero degli Esteri. Il ministero, infatti, appena saputo dell’attacco ha raggiunto telefonicamente gli italiani che si trovavano ad Istanbul, per invitare gli stessi a chiudersi in luoghi sicuri e non uscire. Attendiamo novità, speranzosi per i nostri connazionali in viaggio.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0