Tempo di lettura: 3 Minuti

Roma: scuole chiuse per gelo

Roma: scuole chiuse per gelo

Nella Capitale polemiche contro la sindaca Virginia Raggi che aveva dato via al piano ‘Scuole calde’ (ma dove?!) #FacceCaso. Mi è capitato di imbatter

Ticketoo: abbiamo un codice sconto con la startup della ripartenza!
Ma dietro a un libro cosa c’è? Parliamo di “Genius”
Discriminazione tra i banchi di Brescia: liceo nella bufera

Nella Capitale polemiche contro la sindaca Virginia Raggi che aveva dato via al piano ‘Scuole calde’ (ma dove?!) #FacceCaso.

Mi è capitato di imbattermi in cartelli chiuso per lutto, chiuso per ferie ma chiuso per gelo non l’avevo proprio mai sentito. Risulta ancora più assurdo rendersi conto che non si tratta di un cartello che campeggia sulla serranda di un esercizio commerciale, ma pensate un po’, sul cancello di una scuola pubblica.

A Roma le scuole sono gelate, i termosifoni spenti e i presidi costretti a far girare circolari che raccomandano agli studenti di coprirsi bene.

C’è chi come la consigliera PD Valeria Baglio rammenta le promesse non mantenute della Sindaca Raggi: “Tubi gelati, arresto degli impianti, mancata accensione.. e dire che quest’anno la Sindaca aveva annunciato l’operazione ‘Scuole calde’”.

Ieri a Pomezia il termometro delle classi era fermo a 7 gradi, ha testimoniato la preside dell’istituto Pascal Laura Virli.

“Arrivano segnalazioni di disagio e temperature polari, che dipendono dal fatto che i riscaldamenti sono rimasti spenti per 15 giorni durante le vacanze natalizie, senza considerare che all’interno delle scuole operassero bidelli e presidi. Il problema si trascina da più di dieci anni e noi abbiamo sempre sottolineato che non si può risparmiare su questo settore” ha fatto sapere il presidente dell’associazione nazionale presidi del Lazio, Mario Rusconi.

Il problema però non interessa solo la Capitale. Il gelo di questi giorni ha reso impraticabili le lezioni anche in diversi istituti a Palermo e a Bergamo, dove il blocco delle caldaie al Vittorio Emanuele ha convinto il dirigente scolastico a rimandare a casa 1.250 studenti.

C’è chi invece a causa dell’allerta meteo non ha proprio aperto. E’ il caso di diversi istituti in Campania, a Lecce, in provincia di Campobasso e a Matera, dove il rientro è stato posticipato al 12 gennaio. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0