Tempo di lettura: 3 Minuti

Palermo: meno tasse all’università

Palermo: meno tasse all’università

Abbiamo complessivamente ridotto la tassazione studentesca ed operato una più equilibrata ridistribuzione dei contributi. #FacceCaso. Buone notizie p

Pirateria in streaming; 20 milioni in Italia
La prima finanziaria di Gentiloni spiegata in breve. Come tratta la scuola?
Latino al cinema? Merito de “Il primo Re”

Abbiamo complessivamente ridotto la tassazione studentesca ed operato una più equilibrata ridistribuzione dei contributi. #FacceCaso.

Buone notizie per gli studenti dell’Università di Palermo: l’ateneo ha approvato il nuovo regolamento sulla contribuzione studentesca e i ragazzi pagheranno 3,5 milioni di tasse in meno rispetto all’anno in corso.

“Abbiamo complessivamente ridotto la tassazione studentesca ed operato una più equilibrata ridistribuzione dei contributi. Sono state azzerate le tasse per le fasce di reddito più basse, livellate quelle per le fasce intermedie È lievemente incrementate quelle per le fasce alte e per i settori a più elevato costo della formazione” dichiara il rettore Fabrizio Micari.

Entrando nel dettaglio, oltre 18mila studenti vedranno diminuire o addirittura azzerare le tasse, con una riduzione media di 300€. “D’altra parte – prosegue Micariper la rimanente popolazione studentesca è stata effettuata una rimodulazione, in funzione del reddito e della tipologia dei corsi di studio che mediamente comporta un incremento inferiore a € 100 per studente. Con questo intervento il volume complessivo della tassazione studentesca è inferiore di 3,5 milioni rispetto all’anno passato”.

“Con il previsto contributo ministeriale l’Ateneo otterrà il necessario equilibrio di bilancio. Sono pertanto soddisfatto del risultato e ringrazio il Senato accademico il consiglio di amministrazione per l’importante lavoro svolto” ha concluso il Rettore. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0