Tempo di lettura: 1 Minuti

Youtuber accusato di pedopornografia: quando i social diventano pericolosi

Youtuber accusato di pedopornografia: quando i social diventano pericolosi

Austin Jones, Youtuber popolarissimo negli Stati Uniti agganciava le fan (minorenni) sui social per farsi mandare video compromettenti. Youtuber orma

Decameron in scena: Link Campus University ti invita a teatro
La migliore università al mondo non è più americana: fine di un primato
Please return to Tiffany&Co, please!!!

Austin Jones, Youtuber popolarissimo negli Stati Uniti agganciava le fan (minorenni) sui social per farsi mandare video compromettenti.

Youtuber ormai è sinonimo di superstar. Ci sono situazioni nelle quali, però, tutto può degenerare.

Quante volte abbiamo sperato di parlare con il nostro idolo? Soprattutto a quattordici o quindici anni quando avevamo i muri tappezzati di poster e sognavamo ad occhi aperti di parlarci o anche di avere una struggente storia d’amore.

Ai tempi di Youtube e dei Social avere la possibilità di un retweet o di una risposta su Instagram non è così difficile, ma se ci si spingesse troppo in là?

È la storia di Austin Jones, Youtuber popolarissimo negli Stati Uniti per le sue cover di canzoni pop e i suoi vlog sul broadcaster più famoso di tutti.

Già nel 2015 o giù di lì era stato accusato da alcune sue fan di aver chiesto video molto particolari, come quelli in cui le ragazzine facevano twerking per lui. Dopo una prima bufera il suo video di scuse di circa 16 minuti aveva fatto dimenticare a tutte l’accaduto.

In questo periodo, però, è scoppiato un altro scandalo. Mentre partiva per il suo tour internazionale è stato fermato dalla polizia a Chicago con l’accusa di pornografia minorile.

Due ragazze di quattordici anni hanno raccontato di averlo contattato su Facebook, di aver ricevuto risposta e richiesta di video sempre più nude. Iniziava l’approccio con un video semplice in cui le ragazze saltellavano dicendo di avere quattordici anni e ne richiedeva altri, fino ad arrivare a 25, in cui entrambe erano nude dalla vita in giù.

Jones si trova ora in carcere e la Homeland Security ha chiuso e bloccato tutti i suoi account social tranne quello di YT dove i commenti cattivi e sdegnati stanno aumentando a vista d’occhio. #Malemale

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0