Tempo di lettura: 3 Minuti

Concerto al buio: Roma, sei pronta?

Concerto al buio: Roma, sei pronta?

Dopo aver sbancato Napoli con ben 10 edizioni, il concerto al buio sbarca nella Capitale. Il 3 Febbraio l'antica Basilica di San Crisogono ti farà viv

Tutti Giù Parterre e La Notte Gialla
Ciao mamma, guarda come mi diverto al Jova Beach Party!
The Boss is Back! Ecco le date del tour italiano di Bruce Springsteen

Dopo aver sbancato Napoli con ben 10 edizioni, il concerto al buio sbarca nella Capitale. Il 3 Febbraio l’antica Basilica di San Crisogono ti farà vivere un’esperienza unica.

Emozionarsi è sempre più difficile. La nostra società, oggi, corre, scalpita, chatta, viaggia. In questa frenesia, la musica gioca un ruolo davvero importante. E quale miglior soluzione, per godere appieno di una melodia, di un concerto al buio.

– Chi, Come, Quando, Dove –

Eh sì, il format suggestivo che ha catalizzato la città di Napoli per ben 10 edizioni, arriva anche a Roma.

    • Quando? il 3 febbraio 2018 (sì, questo sabato).
    • Dove? Presso l’antica Basilica di San Crisogono.
    • Dove sta? In Piazza Sonnino 44.
    • Chi troveremo? la pianista Martina Mollo e il maestro violinista di fama internazionale Edo Notarloberti.

Hai capito bene, è un concerto al buio per piano e violino. Immagina un attimo l’atmosfera. Solo musica, tutt’intorno. Bellissimo. È un vero e proprio percorso all’interno delle tue emozioni, le più intime, le più profonde. Quelle che solo la musica sa tirar fuori.

– More info –

Durerà un’ora (porte aperte dalle 19:45), il numero dei partecipanti spazia da un minimo di 20 sino ad un massimo di 150 e potrai acquistare i biglietti solo QUI.

– La Location –

Siccome “suggestivo” è la parola chiave di questo incontro a tu per tu con la musica, non poteva non essere scelta una location d’eccezione. Te lo dicevo prima, il 3 Febbraio il concerto al buio sarà ospitato dalla Basilica di San Crisogono, una delle più antiche chiese della Capitale presente nell’elenco dei tituli sin dal 499. Insomma, una delle tantissime meraviglie della città più bella del mondo. Per essere puntigliosi (sarà fiera la mia prof di Arte), è il IV secolo ad ospitare la nascita della prima chiesa, successivamente ricostruita nel XII secolo e infine nel 1626. Una chicca: i resti della “prima release” sono stati scoperti nel 1907.

Un’occasione per vivere un’emozione particolare e fuori dagli schemi, #FacceCaso

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0