Tempo di lettura: 1 Minuti

Scuola all’esterno: troppe poche ore per i prof

Scuola all’esterno: troppe poche ore per i prof

Imparare all'esterno? I prof si lamentano perché le ore sono troppo poche. I viaggi d'istruzione e le lezioni alternative sono quello che arricchisce

Followers? Adesso spuntano i distributori automatici!
Skype: ecco i pagamenti dall’app con PayPal
Rivoluzione scuola: la riforma stravolge il sistema scolastico

Imparare all’esterno? I prof si lamentano perché le ore sono troppo poche.

I viaggi d’istruzione e le lezioni alternative sono quello che arricchisce direttamente l’insegnamento a scuola. I banchi sono sicuramente importanti, ma le attività alternative riescono a dare quel quid in più alle lezioni, soprattutto ai ragazzi. Imparare all’esterno è davvero utile, ma che succede se le ore date ai professori per queste attività sono troppo poche?

È il problema che hanno sollevato i presidi siciliani contro la decisione del Governatore Musumeci, che ha dato solo 11 giorni di tempo per le attività alternative. Su 211 giorni di scuola, solo 11 possono essere utilizzati per gite, lezioni all’esterno e anche alternanza scuola-lavoro. I giorni di scuola sono aumentati per la Sicilia, dato che i ragazzi rientreranno a fare lezione il 12 settembre e non più tardi, come la regione è abituata.

Limitando le attività a così pochi giorni i ragazzi dovranno salutare per quest’anno tutte le ore in più, che comprendono anche le gite ai musei o ai patrimoni culturali di cui la Sicilia è davvero piena. Proprio per questo i presidi sono in rivolta, perché si rendono conto che privare i ragazzi di queste lezioni può essere davvero una perdita. Per non parlare dell’alternanza, che dovrebbe rientrare in questi pochi giorni. Le ore di scuola-lavoro sono obbligatorie ma anche i viaggi d’istruzione dovrebbero esserlo, ma in questo caso potrebbero benissimo essere sacrificati.

Un vero peccato che ai ragazzi vengano tolte delle opportunità del genere. Imparare in modi alternativi potrebbe essere utile anche per combattere quell’abbandono scolastico che rappresenta un problema nel nostro paese. Dobbiamo imparare ad insegnare in un modo diverso e questo non è il modo giusto. Non trovi?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0