Tempo di lettura: 2 Minuti

Le pagelle degli utenti ai media su Facebook

Le pagelle degli utenti ai media su Facebook

La piattaforma introduce sotto forma di test pagelle che gli iscritti potranno fare sulle testate giornalistiche. Conoscenza e affidabilità i criteri.

Snapchat ha bruciato 800 milioni di dollari
Studiare di notte a #Bolo, le biblioteche aperte fino alle 24.00
Gabriele Frasca, un autore troppo “vivo” per diventare professore universitario

La piattaforma introduce sotto forma di test pagelle che gli iscritti potranno fare sulle testate giornalistiche. Conoscenza e affidabilità i criteri.

Pagelle per dire la nostra, adesso anche Facebook le propone. Come se fosse un Tripadvisor, ma dell’informazione, permetterà di valutare tutte le pagine che si presentano come media.
Anche in Italia arriva così la prova di sondaggio, come già avviato negli Stati Uniti da gennaio.

Da Menlo Park spiegano come l’iniziativa sia “parte dello sforzo continuo per assicurarsi che le notizie che le persone vedono su Facebook siano di alta qualità e per dare priorità, nel NewsFeed, alle notizie affidabili, informative e locali. Si tratta di un’analisi preliminare per valutare la possibilità di portare in Italia questo cambiamento nel flusso delle notizie”.

In pratica due domande, ‘Conosci questo sito?’ e ‘Quanto lo ritieni affidabile?’, che faranno definire un quadro iniziale sul media che ci offre news in bacheca.

Continua sempre il commento. “Questo particolare aggiornamento è focalizzato sul dare più visibilità alle notizie provenienti da fonti attendibili, ovvero fonti che sono ritenute affidabili da una molteplicità di persone nella community, quindi anche da coloro che non le seguono direttamente. Si tratta di un’analisi preliminare per valutare la possibilità di portare in Italia questo cambiamento nel NewsFeed”.

Insomma, si apre una nuova fase pagelle sulle fake news, che si potrebbe rivelare un’arma a doppio taglio, non sapendo che motivazioni ci siano dietro ogni risposta. Ma staremmo a vedere.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0