Tempo di lettura: 2 Minuti

Eurovision Song Contest 2018: l’Italia si prende la rivincita su San Marino

Eurovision Song Contest 2018: l’Italia si prende la rivincita su San Marino

L’Eurovision Song Contest è lo show dei record. Trasmesso ogni anno dal 1956, è uno dei programmi televisivi più longevi al mondo.  #FacceCaso. So ch

Neve a Fisciano : l’università di Salerno va in tilt
Scopri qui le città con la migliore movida notturna in assoluto!
The Florence Experiment: scienza e arte insime per un esperimento sulle piante

L’Eurovision Song Contest è lo show dei record. Trasmesso ogni anno dal 1956, è uno dei programmi televisivi più longevi al mondo.  #FacceCaso.

So che lo sai, però sempre meglio ricordarlo, andiamo a vedere in cosa consiste l’Eurovision Song Contest. Wikipedia mi suggerisce che in poche parole è una manifestazione musicale nata nel 1956 organizzata dall’Unione europea di radiodiffusione con sede a Ginevra. Una copia internazionale del nostro Festival di Sanremo.

Quest’anno la manifestazione si tiene a Lisbona dall’8 al 12 maggio e vede protagonisti 43 paesi. Il nostro è rappresentato dai vincitori dell’ultima edizione di Sanremo, Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone Non mi avete fatto niente.

L’Italia accederà direttamente in finale senza passare per la semifinale, facendo parte insieme a Germania, Regno Unito, Francia, Spagna, delle Big Five, le cinque nazioni che supportano economicamente l’Unione europea di radiodiffusione.

L’Eurovision Song Contest è lo show dei record. Trasmesso ogni anno dal 1956, è uno dei programmi televisivi più longevi al mondo (anche se secondo me tutti ne parlano e nessuno lo vede, compresa la sottoscritta). 

Quello che tutti noi sappiamo però, è che lo scorso anno San Marino non ci ha dato il punteggio massimo favorendo il Portogallo e stracciando con ogni probabilità il sogno di ospitare l’edizione di quest’anno a casa nostra. 

Ora, partendo dal presupposto che San Marino sta in Italia ed ha 33.191 abitanti quindi conta come il 2 di bastoni quando regna spade, la notizia che lo scorso anno fece scalpore fu la “dichiarazione di guerra” da parte nostra per sanare l’affronto dei 3 punti dati a Gabbani.

La guerra non c’è stata e per fortuna non è servita. Ad apparare i conti ci ha pensato il karma. 

La canzone “Who we are” di Jessika e Jenifer non ha convinto il pubblico e la mini repubblica è stata tagliata fuori dai giochi. Colpa del discutibile nome delle cantanti? Nessuno può saperlo, quel che è certo è che abbiamo ottenuto la nostra rivincita. Sperando che stavolta nessuno ci tiri i piedi, in bocca al lupo per la finale di domani. 

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0