Tempo di lettura: 2 Minuti

Hai una laurea in “custodia”? Chiedi il riscatto in vista della pensione

Hai una laurea in “custodia”? Chiedi il riscatto in vista della pensione

Il diploma di laurea può essere strumento e allo stesso tempo anche oggetto di riscatto. Cosa significa? Scopriamolo insieme. Al giorno d'oggi la lau

Niente Concorsone: Prof ancora precari e il ritardo ora si fa sentire
Pochi giovany tra i prof, manca la voglia o il rispetto?
Che fine ha fatto lo spacciatore di merendine? Ieri la bocciatura

Il diploma di laurea può essere strumento e allo stesso tempo anche oggetto di riscatto. Cosa significa? Scopriamolo insieme.

Al giorno d’oggi la laurea sembra essere qualcosa di assolutamente indispensabile. Ci serve per lavorare, per accedere a diversi concorsi pubblici e diciamolo, anche per abbellire una delle pareti di casa nostra.

Vi farà piacere sapere, però, che il diploma di laurea si può anche riscattare. Così facendo si ha l’opportunità di trasformare in contributi tutti o solamente alcuni degli anni di studio universitario e abbreviare, quindi, la tortuosa strada che dovrebbe condurci alla pensione.

Attenzione, però, non tutti hanno la possibilità di ottenere il riscatto della propria laurea. In particolare quelli che non hanno la fortuna di poter usufruire di questo servizio sono i fuori corso e coloro che sono già coperti da una contribuzione obbligatoria, figurativa o da riscatto che sia presente nei regimi previdenziali elencati nel comma 1 dell’articolo 2.

Se invece non possedete questi “paletti” allora potete tranquillamente procedere al riscatto del vostro diploma di laurea. Come? Inviando una domanda online all’INPS, tramite un servizio apposito. Sul sito dell’ente previdenziale trovate anche una guida che spiega nel dettaglio come fare.

Naturalmente la procedura non è gratuita. Non c’è un costo fisso, la cifra è direttamente proporzionale al reddito di chi fa la richiesta e l’importo può essere versato in un’unica tranche o addirittura anche in 120 rate mensili senza interessi.

Se il periodo di studi che volete riscattare è posteriore al 1 gennaio del 1996, allora il costo della pratica è dato dall’aliquota contributiva del richiedente, moltiplicata per il numero degli anni di cui si chiede il riscatto. State già correndo a calcolare la vostra aliquota per capire se vi conviene fare tutto questo o meno? Aspetta, prima FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0