Tempo di lettura: 2 Minuti

Una fuori sede a Roma

Una fuori sede a Roma

Università nuova, casa nuova, amici nuovi e ovviamente città nuova. È ciò che un fuori sede deve affrontare quando decide di studiare presso una città

Intervista a due studenti fuorisede che volevano votare alle Europee
News Feed di Facebook, ora si cambia
Compiti estivi: “divertitevi e viaggiate”

Università nuova, casa nuova, amici nuovi e ovviamente città nuova. È ciò che un fuori sede deve affrontare quando decide di studiare presso una città diversa dalla propria. Ecco qui il caso di una fuori sede a Roma.

492 Km, 3 ore mezza di treno, circa 5 ore di macchina mi separano da casa mia. La distanza non è molta ma le differenze sono tante. Con questo articolo ho deciso di raccontare la mia esperienza da studentessa fuori sede a Roma. Questo articolo, oltre che un racconto, vuole essere un piccolo manuale per tutti gli studenti e le studentesse che decideranno di fare il mio stesso percorso e per tutti coloro che sono ancora indecisi!
La vita da fuori sede è bellissima!

Da dove vengo

Nord-est del Bel Paese. La mia città natale è la fiorente Mestre! Haha ovviamente sono un pochino ironica. Non amo molto la mia Mestre ma ovviamente ci sono affezionata. E poi diciamocelo si trova a 10 minuti di autobus da Venezia, e Venezia sì che è un gioiellino!
In ogni caso, sono nata e cresciuta a Mestre, la mia intera famiglia abita lì, i miei amici di sempre sono lì. E devo ammettere che da quando sono una studentessa fuori sede la mia Mestre la apprezzo molto di più. Tornare, avere la cena e il pranzo pronti senza muovere un dito, l’affetto di mamma e papà che non sono più scontati e ovviamente i miei amici amati… tutto ha un altro sapore. Ora riesco a vedere il bello anche lì dove di bello c’è n’è ben poco.

Ecco perché scegliere Roma

Ormai vivo a Roma da quasi tre anni. A pochi mesi dalla laurea triennale in Scienze Politiche possono dire di essermi ambientata, anche se, qui a Roma, non mi sono mai sentita fuori luogo.
Dal giorno del mio arrivo mi sono sempre trovata bene e il mio amore per la Città Eterna cresce ogni giorno.
Ricordo che tutto il mio primo anno da fuori sede a Roma adoravo prendere l’autobus per andare in centro. Non che gli autobus romani abbiano qualcosa di speciale eh, anzi! Semplicemente adoravo guardare fuori dal finestrino e vedere in ogni secondo una meraviglia lì fuori. Non mi era mai successo. Stare seduta e vedere la storia dei secoli passati scorrermi davanti… pazzesco!

E poi le persone… i romani! Che gente particolare, ma che cuore grande. La cosa che più adoro di questa città è che riesco a scambiare due parole con chiunque io incontri. La cordialità e la simpatia delle persone di Roma sicuramente sono caratteristiche che non ho trovato con così tanta frequenza a Mestre.

Vogliamo parlare del caldo e del sole? Per una come me, che ama il sole e il caldino questa è la città perfetta. Mi ricorderò sempre la sensazione di quando a Gennaio scorso di ritorno da Bruxelles atterrai a Ciampino. A Bruxelles stava nevicando e c’era un freddo così intenso che quando camminavo per strada mi scendevano le lacrime dagli occhi e il muco dal naso. Arrivata a Roma, scendo dall’aereo ancora infreddolita e il clima mite di Roma mi ha avvolta in un abbraccio. In quel momento ho pensato di non voler ripartire mai più.

Potrei riempire delle pagine di tutti i motivi per i quali sono innamorata di Roma.

La mia esperienza da fuori sede a Roma

Che dire, essere fuori sede è l’esperienza della vita, esserlo a Roma è la cosa più bella che mi potesse capitare. Poi per me, che vengo dal Nord, non potete capire che meraviglia. Dico solo che nella via in cui abito qui a Roma, ogni volta che scendo di casa anche solo per buttare la spazzatura mi devo fermare almeno 10 minuti a salutare tutti. In quei pochi passi dal portone di casa al cassonetto saluto: la gelataia che fa i gelati può buoni che io abbia mai mangiato, la coppia di signori che vengono dalla Cina e gestiscono una pizzeria al taglio che mi salva ogni volta che non ho voglia/tempo di cucinare. Senza tralasciare il fatto che praticamente da quando sono qui si sono sostituiti ai miei genitori: sanno quando compio gli anni, quando ho gli esami, e i miei gusti culinari, per non parlare di quando ci aiutano con le faccende domestiche, tipo riparare la lavatrice (a gratis ovviamente). Pochi passi più in là c’è il bar dove il gusto del mio cornetto preferito ormai lo sanno tutti.

In poche parole questa è la mia Roma, la Roma che piace a me, quella che vivo io e che sono sicura farebbe innamorare chiunque! Con convinzione affermo che Roma è una città meravigliosa, dove essere fuori sede è uno spettacolo ogni giorno. Lo consiglierei a chiunque!

Che ne dite, vi ho convinti/e?

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0