Tempo di lettura: 2 Minuti

Foodora via dall’Italia

Foodora via dall’Italia

La società di delivery food ha annunciato che non opererà più nel nostro paese, oltre che in Francia, Olanda e Australia. E i motivi non riguardano i

Fenomeno Hikikomori : ragazzi chiusi in casa con Internet
La novità di Twitter: video a 360 gradi
Pokemon, arriva PokeLand!

La società di delivery food ha annunciato che non opererà più nel nostro paese, oltre che in Francia, Olanda e Australia. E i motivi non riguardano i diritti dei fattorini.

Qualcuno ha paventato come motivo la stretta di Di Maio per garantire maggiori diritti e meno precarietà ai “riders” che lavorano nelle compagnie di consegne. Ma non è il venir meno allo sfruttamento (che tra l’altro non si è concretizzato in nessuna legge dentro il decreto Dignità), il vero motivo dell’addio di Foodora.
Foodora, che è una compagnia di proprietà della tedesca Delivery Hero, ha stabilito che nel suo nuovo piano strategico non importa più operare in Olanda, Australia, Francia e appunto Italia.

Quindi ha messo in vendita i suoi asset nel paese, così da lasciare e far venir meno il servizio.
In pratica da oggi, quando cercherete cibo da farvi recapitare a casa, non avrete più Foodora a disposizione, ma “solo” Deliveroo, Just Eat, Moovenda e Glovo.

L’imbarazzo della scelta rimane lo stesso, ma certo un addio del genere, per una delle principali città del mondo, fa abbastanza notizia.

Ma allora cosa c’è dietro, se nessuna nuova legge penalizza il servizio?

Il co-fondatore della società, Emanuel Pallua, ha detto che Foodora in Italia era troppo lontana dalla posizione di leadership nel mercato. “La strategia di Delivery Hero è quella di operare in modo economicamente efficiente, con focus su crescita e posizione di leadership in tutti i mercati in cui opera. In Italia questo obiettivo è ora difficile da raggiungere con investimenti ragionevoli”.

Quindi, per un servizio identico a tutti gli altri (tranne Just Eat che opera con i fattorini direttamente pagati dal ristorante), era difficile nel nostro paese diventare i principali offerenti.
E le ragioni economiche si fanno sentire, tant’è che Delivery Hero, in un suo comunicato distaccato, ha annunciato che non riuscirà a raggiungere il pareggio di bilancio annuale nel 2019, come invece previsto.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0