Tempo di lettura: 1 Minuti

L’app antiproduttività: ToDon’t

L’app antiproduttività: ToDon’t

ToDon’t è l’app che assicura di non raggiungere gli obiettivi giornalieri. Vi sembrerà un paradosso…ma funziona proprio così! ToDon’t è l’app antipro

Problemi con il numero chiuso anche all’Università di Palermo: l’Unu denuncia ma non ricorre al Tar
Aveva elaborato le regole per la password perfetta: si rimangia tutto
Hibye, scopriamo il nuovo social italiano

ToDon’t è l’app che assicura di non raggiungere gli obiettivi giornalieri. Vi sembrerà un paradosso…ma funziona proprio così!

ToDon’t è l’app antiproduttività. Esatto, non è il classico congegno che vi permette di rispettare tutte le tabelle di impegni e attività che vi programmate. Questa va proprio nella direzione opposta.
Un programma chiaramente ironico, che ci vuole garantire di evitare il raggiungimento di tutti i traguardi raggiungibili.

Basta scaricarla, lanciarla e ToDon’t mette subito in chiaro:
“Benvenuto nell’app che non ti chiede di fare assolutamente nulla e ti aiuta a farlo. Tutto ciò che devi fare è aggiungere elementi ogni giorno, elencando le cose che non vuoi assolutamente fare”.

Da una parte, al suo interno, elenca con ironia sulle altre app sue antitesi, ossia quelle che dicono come e quando fare le cose. L’altro aspetto è quello in cui cerca di essere un antistress.
Per il resto non bisogna fare nulla. Ogni tanto l’applicazione, tracciando le attività inserite che non si vogliono fare, invierà agli utenti una notifica “demotivazionale”. Ad esempio, “Congratulazioni! Non hai fatto nessuna di quelle cinque cose per cinque giorni di fila”.

È un’app semplice, senza fronzoli, ma la grafica, con un block notes digitale, rimane curiosa e simpatica. Scaricarla potrebbe fare effettivamente bene alla salute.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0