Tempo di lettura: 2 Minuti

Stanno cambiando le cose per Netflix Italia

Stanno cambiando le cose per Netflix Italia

L’Unione Europea è pronta a cambiare le direttive dei servizi di streaming come Netflix e Prime Video. Cerchiamo di capire cosa comporta per Netflix I

La Blogger bugiarda si becca la multa salata
Al diavolo i luoghi comuni, studiare conviene! Ecco la prova
Il Politecnico di Torino è Il miglior ateneo al mondo per trovare lavoro

L’Unione Europea è pronta a cambiare le direttive dei servizi di streaming come Netflix e Prime Video. Cerchiamo di capire cosa comporta per Netflix Italia.

Netflix Italia, ma più in generale Netflix e gli altri servizi di streaming, saranno presto destinati a cambiare.
Almeno in Europa, per via di una nuova normativa Ue, ci saranno nuovi obblighi in merito al servizio offerto.

Praticamente prestissimo, per legge, Netflix&Co. dovranno garantire delle quote minime e precise di contenuti realizzati nel paese dove essi sono presenti e operano.

In dirittura d’arrivo la proposta del parlamento, che prevederebbe così almeno il 30% del catalogo nazionalizzato, cioè, nel caso italiano, fatto di contenuti Made in Italy, siano essi serie tv o film.

La normativa prevede che ogni Paese membro della UE possa decidere di portare tale percentuale fino al 40%, e per tutti necessaria visibilità di vetrina chiara.

Roberto Viola, capo della Direzione generale delle Reti di comunicazione, dei contenuti e delle tecnologie della UE , ha parlato durante il Festival di Venezia a Variety per spiegare tale decisione.

Le piattaforme avranno 20 mesi per adeguarsi, ma tipo Netflix già ha una quota vicina alle minime richieste.

Con tale scelta si punta a salvaguardare le produzioni locali e non offrire eccessivamente contenuti stranieri, poiché il mercato americano spadroneggia impressionantemente.

Ancora non si capisce però se sarà possibile inserire produzioni del passato, oppure dovranno essere tutte ex novo.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0