Tempo di lettura: 1 Minuti

Scopare è il primo album ufficiale del collettivo Canzoni Per

Scopare è il primo album ufficiale del collettivo Canzoni Per

Una sperimentazione sulla forma canzone giocando con stereotipi e riferimenti del nuovo cantautorato pop: è questa la base di Scopare, dei Canzoni Per

Una Giornata della Memoria nel Ghetto di Roma
Leva obbligatoria? Il ministro Pinotti ci fa un pensierino
Vítejte v Praga, 5 luoghi da non perdere nella Capitale ceca

Una sperimentazione sulla forma canzone giocando con stereotipi e riferimenti del nuovo cantautorato pop: è questa la base di Scopare, dei Canzoni Per.

È uscito SCOPARE, il primo disco del collettivo CANZONI PER, progetto lanciato dalla giovane etichetta Pezzi Dischi. Questo debut album è un concept, a cui ne seguiranno altri, un racconto sentimentale, non senza ironia e con la giusta irriverenza, dai primi giorni di meraviglia fino alla consapevolezza della fine, senza ordine cronologico.

“CANZONI PER è progetto nato con due finalità.
La prima è quella di scrivere Canzoni nel senso più classico del termine: parole e musica.
La seconda è quella di scrivere Canzoni che non abbiano per forza una identità predefinita.
Per questo abbiamo deciso di lasciare il nome “aperto” con l’utilizzo della preposizione per, perché non vogliamo che il progetto sia collegato ad una estetica fissa, ma vogliamo farlo cambiare col cambiare degli album.
Quello che ci piaceva fare era non essere inquadrabili, definibili; almeno non esserlo facilmente, anche per questo abbiamo scelto di chiamare l’album Scopare. Perché sapevamo che quel verbo ci avrebbe permesso di andare a sinistra mentre tutti avrebbero guardato a destra.
Per questo e perché chiamarsi Canzoni per Scopare ci pare divertente”.

CANZONI PER nasce dalla voglia di sperimentazione sulla forma canzone, rimodellando le strutture tipiche di un certo cantautorato pop. Per farlo usa dei riferimenti, a volte stereotipandoli, per raggiungere subito l’ascoltatore, unendo un gergo crudo tipico del rap, ma senza ostentazione, ad argomenti agrodolci, tipici dell’indie. Quasi tutti i brani hanno una durata di meno di due minuti e i primi quattro singoli sono stati pubblicati esclusivamente su Instagram, accompagnati da videoclip legati tra loro da una coerenza visiva.

Un progetto a tratti sfacciato, che può essere mal interpretato a un primo sguardo, ma un ascolto attento ne fa emergere la qualità. Non siamo davanti a una parodia, ma a un collettivo di artisti che ha voluto giocare con le strutture, con i dogmi dell’indie, e anche con la comunicazione, dove Instagram diventa la piazza virtuale ormai satura e CANZONI PER ne vuole esasperare il senso.

“L’argomento principale dell’album è la musica che ci gira intorno, cioè la musica indie e in parte la musica trap. E quindi ci siamo chiesti: qual è una parola che può descrivere questi due generi?
La risposta è stata “Scopare”; con un eccesso di tenerezza e stucchevolezza dalla parte delle musica indie, e con un eccesso di machismo e arroganza da parte della trap.
Con questo non vogliamo dire che i due generi non ci piacciono, in realtà li amiamo molto, semplicemente abbiamo individuato questa deriva verso due estremi (la stucchevolezza e l’arroganza) quando si parla di sentimenti e ci sembrava una cosa niente male farci un album a riguardo.”

CREDITI

tutti i brani sono stati prodotti, registrati, mixati e masterizzati da: Benedetto Cordari, Gianmarco Marzialetti, Sebastian Quirino, Stefano Valeriani

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0