Tempo di lettura: 3 Minuti

Tatuaggi in Italia, i numeri di una moda in ascesa

Tatuaggi in Italia, i numeri di una moda in ascesa

I tatuaggi sono ormai diventati a tutti gli effetti un marchio distintivo della società contemporanea, anche in Italia. Ma vediamo qualche dato. A co

“War, Capitalism and Liberty”: Banksy in mostra a Roma con 150 opere tutte da scoprire
Sei indeciso sul tuo futuro? La parola chiave è orientamento
Don’t Waste Venice!

I tatuaggi sono ormai diventati a tutti gli effetti un marchio distintivo della società contemporanea, anche in Italia. Ma vediamo qualche dato.

A colori o in bianco e nero ma comunque con un significato. No, non stiamo parlando di film, bensì di tatuaggi. Impiegati a scopo terapeutico già diversi secoli prima della nascita di Cristo, i cosiddetti tattoos sono ormai diventati a tutti gli effetti un marchio distintivo della nostra società.

Tutti noi ne siamo affascinati, tutti noi abbiamo pensato almeno una volta di farcene uno e molti di noi sono andati fino in fondo, con o senza il consenso dei propri genitori. Con “noi”, ovviamente, ci riferiamo ai giovani, sicuramente i più sensibili alla “moda” dei tatuaggi.

Stando ad una ricerca effettuata dal professor Paolo Macchia (docente presso l’Università di Pisa) in collaborazione con la sua allieva Maria Elisa Nannizzi, infatti, il 12,8% della popolazione italiana, corrispondente a circa 8 milioni di persone, ha almeno un tatuaggio. La maggior parte di questi 8 milioni, poi, è costituita da adulti di età compresa tra i 18 e i 44 anni, i giovani appunto.

Questa percentuale così elevata di persone che non vedono l’ora di colorare la propria pelle frutta ai 2.800 tatuatori (anche in questo caso prevalgono i giovani, più precisamente gli Under35) sparsi per la penisola un giro d’affari che complessivamente tocca i 300 milioni di euro all’anno.

Quello italiano, però, non è soltanto un popolo di tatuati ma anche di disinformati (nel nostro Paese la disinformazione interessa l’8% dei contenuti online prodotti mensilmente). E così capita spesso di mettere la propria pelle nelle mani di autentici macellai. In Italia sono oltre 20.000 i “tatuatori” che non possiedono una licenza e che danneggiano quotidianamente i nostri corpi.

Dunque se vuoi farti un tatuaggio pensaci bene (perché sarà parte di te per tutta la vita) e soprattutto informati perché di imbecilli e di incompetenti purtroppo ce ne sono tanti. Occhio a chi ti rivolgi quindi, o meglio, FacceCaso.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0