Tempo di lettura: 1 Minuti

Greta, la paladina del clima

Greta, la paladina del clima

Greta Thunberg, storia di una ragazza che a 15 anni ispirò il movimento globale per il clima. E ieri, venerdì 15 marzo, migliaia di studenti in tutta

Europa e futuro: cosa sono le “EDD”?
Plastica? Le Università si vestono di green e dicono “stop”
Cinque cose da fare per essere più Green

Greta Thunberg, storia di una ragazza che a 15 anni ispirò il movimento globale per il clima. E ieri, venerdì 15 marzo, migliaia di studenti in tutta Italia l’hanno “seguita” a gran voce.

Venerdì 15 Marzo, ci sono state manifestazioni per il clima in tutto il mondo. I ragazzi sono scesi in piazza aderendo al movimento Global Strike For Future, ispiratosi ad una ragazza svedese di 16 anni, Greta Thunberg.

Greta è ora stata proposta da tre parlamentari norvegesi per il premio Nobel per la pace, in segno di riconoscimento per il suo impegno contro la crisi climatica. Vediamo come è giunta fin qui.

Fin da quando aveva 8 anni, si è sempre interessata ai temi climatici e ambientali. Questi argomenti la toccarono a tal punto da modificare il suo stesso stile di vita, passando al veganesimo e rifiutando di prendere l’aereo. Racconta in un’intervista, che, quando parlava ai suoi genitori di queste problematiche, riusciva ad attirare la loro attenzione, e questo le diede fiducia nella sua voce e nella possibilità di cambiare qualcosa. Uno dei suoi motti diventerà: “non si è mai troppo piccoli per fare la differenza”.

Passa all’azione nel 20 agosto 2018, nella speranza di sollecitare il governo svedese a rispettare gli accordi di Parigi sul clima. Fino al 9 settembre, giorni delle elezioni svedesi, invece di andare a scuola, andò a manifestare davanti al parlamento svedese con un cartello, che riportava “sciopero per il clima”.

Già il secondo giorno non era più sola a manifestare, e, nel giro di pochi mesi, il movimento raggiunse dimensioni inaspettate. Dopo il 9 settembre, ha continuato a manifestare tutti i venerdì, dando vita al movimento globale per il clima “friday for future”.

La sua è una lotta inesorabile, che si basa su un dialogo aperto e schietto. Nella conferenza sul clima di Katowice, critica direttamente i politici dicendo: “Voi parlate solo di una crescita economica verde e illimitata, perchè avete troppa paura di perdere il consenso; non siete abbastanza maturi per dire le cose come stanno”.

Infine conclude il suo discorso: “Siamo venuti qui per dirvi che il cambiamento è iniziato, che vi piaccia oppure no, il vero potere appartiene alle persone”.

GUARDA IL RACCONTO DEI GIOVANY STUDENTI DI ROMA CHE ABBIAMO RACCOLTO SU INSTAGRAM!

#FacceCaso

Di Bianca Ruffolo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0