Tempo di lettura: 2 Minuti

Greta, la paladina del clima

Greta, la paladina del clima

Greta Thunberg, storia di una ragazza che a 15 anni ispirò il movimento globale per il clima. E ieri, venerdì 15 marzo, migliaia di studenti in tutta

Sapienza: appuntamenti da lunedì 4 a domenica 10 febbraio
Fissato per il 24 maggio un secondo “Global Strike” per il clima
Clima, la corte di Strasburgo accoglie il ricorso di sei ragazzi portoghesi

Greta Thunberg, storia di una ragazza che a 15 anni ispirò il movimento globale per il clima. E ieri, venerdì 15 marzo, migliaia di studenti in tutta Italia l’hanno “seguita” a gran voce.

Venerdì 15 Marzo, ci sono state manifestazioni per il clima in tutto il mondo. I ragazzi sono scesi in piazza aderendo al movimento Global Strike For Future, ispiratosi ad una ragazza svedese di 16 anni, Greta Thunberg.

Greta è ora stata proposta da tre parlamentari norvegesi per il premio Nobel per la pace, in segno di riconoscimento per il suo impegno contro la crisi climatica. Vediamo come è giunta fin qui.

Fin da quando aveva 8 anni, si è sempre interessata ai temi climatici e ambientali. Questi argomenti la toccarono a tal punto da modificare il suo stesso stile di vita, passando al veganesimo e rifiutando di prendere l’aereo. Racconta in un’intervista, che, quando parlava ai suoi genitori di queste problematiche, riusciva ad attirare la loro attenzione, e questo le diede fiducia nella sua voce e nella possibilità di cambiare qualcosa. Uno dei suoi motti diventerà: “non si è mai troppo piccoli per fare la differenza”.

Passa all’azione nel 20 agosto 2018, nella speranza di sollecitare il governo svedese a rispettare gli accordi di Parigi sul clima. Fino al 9 settembre, giorni delle elezioni svedesi, invece di andare a scuola, andò a manifestare davanti al parlamento svedese con un cartello, che riportava “sciopero per il clima”.

Già il secondo giorno non era più sola a manifestare, e, nel giro di pochi mesi, il movimento raggiunse dimensioni inaspettate. Dopo il 9 settembre, ha continuato a manifestare tutti i venerdì, dando vita al movimento globale per il clima “friday for future”.

La sua è una lotta inesorabile, che si basa su un dialogo aperto e schietto. Nella conferenza sul clima di Katowice, critica direttamente i politici dicendo: “Voi parlate solo di una crescita economica verde e illimitata, perchè avete troppa paura di perdere il consenso; non siete abbastanza maturi per dire le cose come stanno”.

Infine conclude il suo discorso: “Siamo venuti qui per dirvi che il cambiamento è iniziato, che vi piaccia oppure no, il vero potere appartiene alle persone”.

GUARDA IL RACCONTO DEI GIOVANY STUDENTI DI ROMA CHE ABBIAMO RACCOLTO SU INSTAGRAM!

#FacceCaso

Di Bianca Ruffolo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0