Tempo di lettura: 3 Minuti

Streaming video bloccati all’università

Streaming video bloccati all’università

Bloccata la riproduzione di streaming video e serie tv all'università, impedivano lo svolgimento delle lezioni. La rete della Purdue University di We

Italia ed Egitto insieme per una nuova collaborazione universitaria
Poliziotto arresta violentemente ragazzina di dodici anni
Si chiama “Steve Jobs” ed è un’azienda tutta italiana

Bloccata la riproduzione di streaming video e serie tv all’università, impedivano lo svolgimento delle lezioni.

La rete della Purdue University di West Lafayette, nello stato americano dell’Indiana, è stata resa inutilizzabile dalle troppe riproduzioni di video nell’area del campus universitario.

Come riporta Il Fatto quotidiano, l’impossibilità di riprodurre il materiale didattico ha portato a dover perfino interrompere i corsi. Gli amministratori di rete dell’ateneo dopo aver eseguito controlli sulla banda hanno riscontrato che solo il 4% del traffico di dati era di ambito accademico.

Mark Sonstein, direttore esecutivo dell’infrastruttura IT universitaria, si è cosi trovato costretto a bloccare l’accesso alle piattaforme di streaming video e serie tv nell’area del campus, essendo risultate il maggior problema per il traffico dati. Lo stesso spiega a Chicago Tribune:

“se ci sono più persone che stanno riproducendo un film, consumano tutta la larghezza di banda disponibile”

Naturalmente nessuno ha accusato gli studenti di trascorrere le lezioni guardando Netflix e altri servizi di streaming, ma ciò potrebbe accadere durante le ore morte e i cambi delle aule.

La rete e la banda

Quando parliamo di banda, nel campo informatico ci si riferisce alla quantità di dati che possono essere trasferiti attraverso una connessione internet. Nello specifico delle università solitamente la banda è in grado di supportare grandi volumi di dati.

Costatata questa capacità di portata la notizia può sembrare assurda, ma basti pensare a quanto sia importante e quanto utilizzo faccia ciascuno di noi della connessione nel quotidiano per rendersi conto della quantità di dati utilizzata.

Esattamente come una strada libera, quindi con un andamento scorrevole e una invece trafficata; nel secondo caso sarà rallentata, se non impossibile la marcia.

Sicuramente tra qualche anno rileggere una notizia del genere potrà suscitare solamente nostalgia, vista la rapida evoluzione della connessione web e dei servizi streaming.

#FacceCaso

Di Dario Argenziano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0