Tempo di lettura: 3 Minuti

Streaming video bloccati all’università

Streaming video bloccati all’università

Bloccata la riproduzione di streaming video e serie tv all'università, impedivano lo svolgimento delle lezioni. La rete della Purdue University di We

USA: Trump teme la discriminazione contro gli studenti bianchi
Da Harvard a UCLA, c’è aria di crac al TG USA 2.0
Da Padova a Stoccolma per confutare un premio Nobel

Bloccata la riproduzione di streaming video e serie tv all’università, impedivano lo svolgimento delle lezioni.

La rete della Purdue University di West Lafayette, nello stato americano dell’Indiana, è stata resa inutilizzabile dalle troppe riproduzioni di video nell’area del campus universitario.

Come riporta Il Fatto quotidiano, l’impossibilità di riprodurre il materiale didattico ha portato a dover perfino interrompere i corsi. Gli amministratori di rete dell’ateneo dopo aver eseguito controlli sulla banda hanno riscontrato che solo il 4% del traffico di dati era di ambito accademico.

Mark Sonstein, direttore esecutivo dell’infrastruttura IT universitaria, si è cosi trovato costretto a bloccare l’accesso alle piattaforme di streaming video e serie tv nell’area del campus, essendo risultate il maggior problema per il traffico dati. Lo stesso spiega a Chicago Tribune:

“se ci sono più persone che stanno riproducendo un film, consumano tutta la larghezza di banda disponibile”

Naturalmente nessuno ha accusato gli studenti di trascorrere le lezioni guardando Netflix e altri servizi di streaming, ma ciò potrebbe accadere durante le ore morte e i cambi delle aule.

La rete e la banda

Quando parliamo di banda, nel campo informatico ci si riferisce alla quantità di dati che possono essere trasferiti attraverso una connessione internet. Nello specifico delle università solitamente la banda è in grado di supportare grandi volumi di dati.

Costatata questa capacità di portata la notizia può sembrare assurda, ma basti pensare a quanto sia importante e quanto utilizzo faccia ciascuno di noi della connessione nel quotidiano per rendersi conto della quantità di dati utilizzata.

Esattamente come una strada libera, quindi con un andamento scorrevole e una invece trafficata; nel secondo caso sarà rallentata, se non impossibile la marcia.

Sicuramente tra qualche anno rileggere una notizia del genere potrà suscitare solamente nostalgia, vista la rapida evoluzione della connessione web e dei servizi streaming.

#FacceCaso

Di Dario Argenziano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0