Tempo di lettura: 3 Minuti

Social: li conosci tutti? Ti sveliamo i meno famosi

Social: li conosci tutti? Ti sveliamo i meno famosi

I social impegnano gran parte del nostro tempo; si sa. Ma oltre a Facebook e Instagram, li conosci proprio tutti? Anche i meno famosi? E sono social.

Cellulari a scuola: progresso nella giusta direzione?
Uno smartphone Samsung senza internet
Tutte le app che ogni giorno salvano la vita a studenti e studentesse!

I social impegnano gran parte del nostro tempo; si sa. Ma oltre a Facebook e Instagram, li conosci proprio tutti? Anche i meno famosi?

E sono social. Va bè che va bè. Ok che è ok. Li conosci tutti, li usi tutti i giorni. Vai a dormire abbracciato a Facebook, fai colazione con Instagram e ti fai una bella doccia insaponandoti con WhatsApp. E perché no, la merenda te la godi con Tik tok, ultimo arrivato nel gruppo, e parli di politica con Twitter. Linkedin ti trova lavoro, ma magari per imparare a coltivare le zucche il video lo cerchi su Youtube.

Social. Piattaforme. Applicazioni. I tuoi nuovi migliori amici. Certo, questi però sono facili da conoscere. Un vero pro si diletta anche con Renren, Disqus e Twoo… ah non li conosci? E allora non sei un bomber. Ma tranquillo, noi che ci staremmo a fare? Siediti che ti raccontiamo un po’ di cose.

I social che non conoscevi

Vediamo un po’, potremmo partire proprio da Renren magari: è il fratellino “piccolo” di Facebook. Come si legge su studiosamo.it “è la più grande piattaforma sociale della Cina. Molto popolare tra il pubblico più giovane, funziona in modo simile a Facebook, permettendo agli utenti di condividere pensieri veloci, aggiornarne i loro stati d’animo”.

Disqus, “è un servizio di hosting di commenti per siti web e comunità virtuali che funziona mediante una piattaforma online”, dice Wikipedia. La sua utilità principale starebbe nel permettere di gestire al meglio tramite feedback, degli utenti, il proprio sito web.

Twoo? Questo è ancora più di nicchia. Un programma belga che, oltre alle funzioni simil-Facebook, presenta al suo interno giochi e funzioni che ti intrattengono mentre aspetti la risposta del tuo amico.

Bitchute: pensavi che Youtube fosse unico nel suo genere eh? E invece no! Gne gne! Questo sito, nato nel 2017, viene alla luce per permettere agli utenti di postare video, ma senza la censura attuata dal cugino più famoso. Questo avviene trami l’utilizzo di una condivisione di video P2P sulla rete BitTorrent.

E tu? ne conosci qualcuno ancora più sconosciuto da segnalarci? #Faccesapè in caso!

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 1