Tempo di lettura: 2 Minuti

Peter White ci ha fatto fare un bel sorso del suo nuovissimo “Rosè”

Venerdì inebriante per Peter White che regala un nuovo singolo al suo pubblico dopo l'ultima release con gemello. Ecco "Rosè". È disponibile da oggi“

Le dirette video di Instagram mandate su Direct
Giffoni Top5, la classifica degli attori laureati improbabili
Fiume di persone su Washington per dire “Never Again” contro le armi

Venerdì inebriante per Peter White che regala un nuovo singolo al suo pubblico dopo l’ultima release con gemello. Ecco “Rosè”.

È disponibile da oggi“Rosè”, il nuovo singolo di Peter White per Sony Music Italy. Online da questo pomeriggio anche il videoclip del brano.

Il video di “Rosé” è totalmente grafico, semplice, essenziale, caratterizzato da poche cromie che si alternano come pennellate di colore su una tela, in cui prendono forma le immagini evocate dalle parole di Peter White, come un bicchiere di vino, un libro, un maglione, la pioggia scrosciante, la luce dei lampioni che illuminano la strada. Il cantautore si muove con maestria tra metafore e contrasti, dal corpo caldo che si infiamma e brucia la pelle d’oca all’ombra di due silhouette che si confondono e danzano nella luce fioca, raccontando il senso di vertigine e assuefazione che scaturisce da un sentimento forte e intenso e dando valore a quei particolari, apparentemente insignificanti, che poi si insinuano nella mente senza andarsene più via: il modo di camminare, di sospirare, di mordersi le labbra o di fare l’amore.

«Era lunedì pomeriggio e la pioggia scandiva il tempo sulla finestra. Ho iniziato la prima strofa del brano chitarra e voce, tra il fragore dei tuoni e il silenzio ovattato di una stanza. La canzone nasce e prende forma così: cullata da un estremo all’altro. Dalla calma al caos. Da un sospiro al maestrale. Da una passeggiata con il sole a una corsa sotto la pioggia battente. Da un bacio lento a un morso che resta sulle labbra. Sono andato consapevolmente nel mondo delle casualità per perdermi lì, tra dubbio e certezza, tra tutto e niente, tra bianco e rosso: in un’unica e sorprendente sfumatura. Nel Rosé.»

“Rosé” giunge a distanza di pochi mesi dalla pubblicazione di “Sabato sera” feat. Gemello. Entrambi i singoli mostrano l’innata capacità di Peter White di esprimere emozioni e sentimenti condivisi mediante una scrittura intensa ed evocativa, caratterizzata da parole semplici ma efficaci, che catturano per la verità e l’autenticità che sono in grado di trasmettere.

Chi è Peter White

Nato a Roma nel febbraio del 1996, Pietro Bianchi, in arte Peter White, ha sempre amato scrivere, soffermandosi su sensazioni e scene che vede, sente ma, soprattutto, vive. “In questo mondo dove ormai tutto va categorizzato ed etichettato”, con la sua musica l’artista “si sente fuori da tutto”. La sua grande passione è il cantautorato. Nelle sue esperienze musicali tenta di riecheggiare questo mondo mischiandolo con il pop e il rap. I testi raccontano esperienze e vissuti dove tutti possono provare sensazioni personali: dalle descrizioni di un amore particolare a episodi comuni della quotidianità. Tra i singoli maggiormente apprezzati spicca “Narghilè”, uscito come singolo nel 2018, che ad oggi conta oltre 15 milioni di stream su Spotify e ha ottenuto la certificazione di Disco d’Oro. Il 24 aprile 2019 Peter White esordisce con il suo primo album “Primo appuntamento”, anticipato da cinque singoli ufficiali e prodotto dai fedelissimi produttori Niagara e Polare. Dopo un’estate trascorsa in tour in tutta Italia, il 21 febbraio 2020 torna sulle scene per regalare ai suoi fan il singolo “Poker”, in cui racconta la vita quotidiana dell’artista attraverso la metafora del gioco d’azzardo.

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0