Tempo di lettura: 3 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Biagio

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Biagio

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Biagio a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo singolo.

Dj Bront pubblica l’album “Musica Illecita” pieno di collaborazioni
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Henford
Il nuovo singolo di Novecento è un bel mix di emozioni: fuori ora “Tonno”

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Biagio a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo singolo.

In occasione dell’uscita del suo ultimo singolo, “Celovuoi”, abbiamo fatto due chiacchiere con Biagio, cantautore napoletano dal piglio irriverente – quanto irresistibile.

Buona lettura!

Vogliamo essere sinceri, la prima volta che in redazione abbiamo visto il tuo video siamo rimasto un po’ sbalorditi dalle scelte “ardite” che racconti nel clip (siamo ragazzi e ragazze per bene, qui!), ma subito dopo, colta l’ironia e soprattutto l’ottimo lavoro che c’è dietro, non abbiamo saputo resistere dal volerti sulle nostre pagine. Parlaci un po’ della produzione, della regia e magari di qualche off camera ammiccante o divertente!
Celovuoi è stata la mia prima collaborazione con Luca Stefanelli. Registrammo la demo ormai 4 anni fa e la produzione era completamente diversa da com’è oggi. C’erano le chitarre, una batteria vera e i suoni di un accendino battuto su di una Peroni grande. Per uscire dal loop di una produzione già fatta, e sentita più e più volte abbiamo deciso, di comune accordo, di stravolgerla completamente. Da qui gli ammiccamenti alla dance, all’acid pop e all’erotic italodisco.
Per quanto riguarda la regia devo tutto a Valerio Desirò e Cristiano Pedrocco, che hanno compreso appieno il senso del brano e del progetto. In verità non sono intervenuto chissà quanto dal punto di vista artistico, li ho fatti divertire.
Un off camera divertente? Diciamo che sono stato sollevato quando ho scoperto che le scene hot non mi avrebbero riguardato in prima persona.

Si dice spesso che i video cerchino di rappresentare il punto di vista dell’artista nei confronti delle tematiche cantate, facendo in un certo senso da guida allo spettatore verso l’interpretazione desiderata. In questo caso, però, gli spunti di riflessione dopo aver visto il videoclip si moltiplicano ulteriormente tra allusioni sessuali, blasfema ironia e riflessione sociale. Dacci una mano a srotolare la matassa e ad entrare nella tua ottica…
Il brano tratta di incomprensioni tra due persone che si piacciono ma non fino al punto di palesarsi l’un con l’altra. D’accordo con Valerio Desirò, abbiamo pensato che la simbologia di una suora di bella presenza racchiudesse in sé il senso della canzone, quel “vorrei ma non posso” dettato dalla bellezza di Eleonora De Laurentis (l’attrice del video) ed il voto di castità. L’uso inequivocabile nel testo di allusioni sessuali, soprattutto nella parte del messaggio vocale, unitamente all’immagine che abbiamo dato alla suora nel video danno vita a quella che tu hai definito blasfema ironia.

Tra l’altro, il clip mi ricorda molto la prima scena della serie tv Californication, la quale inizia con una famosa canzone degli stones e con una suora piuttosto ammiccante che “sconfessa” i peccati del protagonista. Se il tuo video dovesse essere inserito come spezzone musicale in una serie tv, quale vorresti che fosse?
Ti dico la verità, non ho visto Californication, ma lo prendo come un complimento. Mah, dato il contesto ti direi: Don Matteo. Anche se di solito li sono le poliziotte ad essere sexy.

Senti, regalaci un disco che ti piace e un film che invece ti fa irrimediabilmente schifo. Così, per rovinarci la serata.
Come disco vi consiglio Notihng Hill dei Popx. Mi piacciono i film con un finale che si capisca, quindi a malincuore ti dico Inception, nonostante sia un bel film.

E se invece potessi farti una vacanza ora alle Maldive, con chi partiresti? Va bene chiunque, vivo o morto che sia. Insomma, ci siamo capiti.
Riagganciandomi ad una delle domande precedenti partirei con un Terrence Hill di 40 anni fa, quello dei film con Bud Spencer distogliendolo dall’interpretare ruoli clericali nel suo futuro prossimo.

Biagio, grazie di averci regalato un po’ del tuo tempo. Ci sentiremo presto, per rimanere aggiornati sulle tue nuove uscite. Intanto, lasciaci dandoci un consiglio su come ingannare l’attesa.
Riordinare le stecchette spaiate dei filtri per sigaretta in cartina, ciao a tutti e grazie mille per il vostro tempo.

#FacceCaso

Di Giorgia Groccia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0