Tempo di lettura: 2 Minuti

Rivoluzione Netflix: sta arrivando la tv online

Il 22 ottobre arriverà in Italia. Scopriamo insieme che cos'è questo nuovo mondo che rivoluzionerà il nostro modo di guardare la tv. Di Luca Ravizza I

Università di Catania: e ora che succederà?

L’Università di Perugia lancia un corso in Design di “Altissima qualità”


Telegram era scomparso dall’App Store per materiale pedopornografico

Il 22 ottobre arriverà in Italia. Scopriamo insieme che cos’è questo nuovo mondo che rivoluzionerà il nostro modo di guardare la tv.

Di Luca Ravizza

Immaginate un sito di streaming online, con servizi on demand in continuo aggiornamento e contenuti sempre nuovi. Tengo a precisare un particolare: completamente legale (il che non è mai stato scontato in questo campo). Ora allargatelo in scala mondiale e rendetelo uno dei siti più popolari di questi ultimi 2 anni, che nel 2014 ha superato i 50 milioni di abbonati! Bene. Ecco a voi Netflix, la videoteca online più famosa di sempre. Ma partiamo dal principio.
Nasce nel 1997 negli Stati Uniti come servizio online di noleggio di Vhs, DVD e videogiochi, per poi aggiungere anche streaming e on demand nel 2008. Da lì il successo è iniziato a crescere in modo esponenziale, prima negli Usa, e successivamente in molti altri paesi fino ad arrivare, finalmente, al nostro. Infatti dal 22 ottobre anche noi italiani potremo entrare nel mondo Netflix, servendoci di varie tipologie di abbonamenti: ossia un piano base da 7,99 euro al mese, un piano ‘standard’ da 9,99 euro al mese e uno premium da 11,99 euro.
In ogni caso, ci verrà offerta una vasta rosa di serie tv e film; basterà avere sotto mano un device che può collegarsi a internet, che sia un pc o un iphone o un tablet ecc.
Ora la domanda sorge spontanea, ma la cara vecchia tv ne risentirà? A rispondere, è direttamente il Content Manager del sito, Ted Sarandos, che ha detto: “In Italia siamo pronti a cooperare con le televisioni presenti […] Qualcuno temeva che la gente avrebbe abbandonato la tv tradizionale, ma non è accaduto”.
Le emittenti televisive possono quindi dormire sonni tranquilli! Ora, per vedere quanto successo avrà questo portale in Italia (e di conseguenza quanto sarà forte la batosta alla nostra vita sociale), basterà aspettare il 22 ottobre!

Di Luca Ravizza

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0