Tempo di lettura: 1 Minuti

Cresce il numero di iscritti all’Università

Cresce il numero di iscritti all’Università

Nell'ultimo anno si registra un aumento del 2% Che una cosa qualsiasi in Italia cresca fa notizia, ed oggi tocca all’Università. Non cresce il numero

Ca’ Foscari, boom ai test d’ingresso
Perugia in crisi: bruttissime notizie per l’Università
Università, crescono (di molto) i nuovi iscritti. BellaStoria no?

Nell’ultimo anno si registra un aumento del 2%

Che una cosa qualsiasi in Italia cresca fa notizia, ed oggi tocca all’Università. Non cresce il numero di atenei, non i voti degli studenti o il numero dei professori ma crescono le matricole iscritte all’anno 2015/16. Passiamo dai 256mila iscritti al 1° anno del 2014/2015 ai 271mila del 2015/2016, una crescita del 2%. Al solito, dobbiamo questo incremento alle ragazze, che rappresentano il 55% del totale degli iscritti, anche se a rappresentare la categoria degli studenti che scelgono l’area scientifica ci sono i maschi, con un totale del 62,5%. Ed è proprio questa macroarea che traina il giogo dell’Università Italiana, rappresentando il 36,3% delle scelte totali, contro il 33 delle lauree umanistiche.

A scegliere di continuare il percorso di studi sono per lo più le eccellenze, ossia quegli studenti che all’esame di maturità hanno ottenuto una votazione maggiore di 89/100, i quali scelgono per lo più la facoltà di Ingegneria. 8 nuovi iscritti su 10 vengono dal Liceo, con gli iscritti a classico e scientifico che scelgono di proseguire nei rispettivi campi umanistico e scientifico. Per quanto riguarda gli studenti stranieri sono il 5% del totale, e rappresentano uno spaccato delle culture maggiormente presenti in questo momento storico sul territorio peninsulare: il 15% sono rumeni, 13% albanesi e 10% studenti con origini cinesi.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0