Tempo di lettura: 3 Minuti

Lo IAAD apre anche a Bologna

Lo IAAD apre anche a Bologna

Durante la manifestazione del Bologna Design Week si inaugurerà nella città delle Torri sarà aperta una nuova sede, già presente a Torino. Di Lorenzo

Sai nuotare e sei amante dell’arte? Collabora con Christo!
Non tutte le stelle sono bianche: storia di una ballerina che ha distrutto un clichè
“Becoming Prime Minister” la prima scuola di politica per giovanissime donne

Durante la manifestazione del Bologna Design Week si inaugurerà nella città delle Torri sarà aperta una nuova sede, già presente a Torino.

Di Lorenzo Santucci

Già con sede a Torino, lo IAAD, l’Istituto d’Arte Applicata e Design, ha deciso di allargarsi anche in Emilia Romagna, più precisamente a Bologna. Questo settore è sempre più in espansione e molti sono gli studenti che vogliono intraprendere la strada per diventare un giorno architetti o futuri designer e lo sa molto bene la direttrice dello IAAD, la quale ha ritenuto un’ottima scelta quella di Bologna in quanto si potrà dare la possibilità a 200 ragazzi di intraprendere questo tipo di studi e poter avere successo.
La data di apertura della sede bolognese, un palazzo in pieno centro che sarà ristrutturato appositamente per questa iniziativa, è prevista per il 2017 ma già il 28 di settembre sarà possibile per il pubblico accedervi, in occasione della seconda edizione di “Bologna Design Week”, che ospiterà la mostra internazionale dei vincitori dell’ “A’ Design Award & Competition”.

Ma perchè proprio Bologna? Stimolato anche dalle iniziative che hanno tenuto, o che stanno pensando di tenere in un giorno non troppo lontano altri come l’Accademia delle Belle Arti o la Libera Università delle Arti proprio in quel di Bologna, una delle motivazioni è perchè lo IAAD ha già instaurato dei contatti con diversi colossi del territorio emiliano, come Ducati, Ferrari, Lamborghi e Maserati e poi, motivo principale, perchè la città è sinonimo di design.
Come spiega l’assessore Matteo Lepore, al quale è stata molto a cuore questa iniziativa, sfruttando la settimana del BDW si racconterà la Bologna creativa, che ha dato alla luce diversi personaggi che hanno scalato le gerarchie nel campo del design, come per esempio Dino Gavina, al quale sarà anche intitolato un premio da assegnare in tre categorie: aziende, progettisti e pubblici servizi.

La settimana di design, però, è anche un’occasione per farsi conoscere. Già da tre anni presso la facoltà di Ingegneria dell’Università è presente il corso “Design del prodotto industriale” (per il quale sempre più studenti fanno richiesta per entrare ma, purtroppo, le selezioni sono molto difficili da superare: circa 1 studente su 10 viene preso) e si è deciso di presentare i risultati delle prime tesi di laurea in occasione di questo evento. Per chiunque fosse interessato a presentare un progetto durante la BDW (come dicevo, dal 28 settembre al 1 ottobre) può farlo entro il 30 maggio inviando un’email all’indirizzo hello@youtool.it o cercare informazioni al sito www.bolognadeisgnweek.com.

Chissà se Bologna diventerà città dell’Unesco proprio come Torino…

Di Lorenzo Santucci

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0