Tempo di lettura: 1 Minuti

Notte Bianca 2019: Sapienza Porto Aperto

Notte Bianca 2019: Sapienza Porto Aperto

La Notte Bianca alla Sapienza nasce nel 2005 e negli anni ha subito drastici cambiamenti. Il 20 e 21 giugno si terrà la XIII edizione: “Sapienza a Por

Giornata Mondiale del Rifugiato 2018: facciamo un po’ di chiarezza
Sicily Foreign Students come mamma adottiva per tanti ragazzi
Continua il reportage del mio viaggio in Kenya: oggi fattorie e comunità indigene (pt.2)

La Notte Bianca alla Sapienza nasce nel 2005 e negli anni ha subito drastici cambiamenti. Il 20 e 21 giugno si terrà la XIII edizione: “Sapienza a Porto Aperto”.

La Notte Bianca alla Sapienza è un evento interamente autorganizzato da parte dei collettivi, che portano in scena dibattiti culturali, musica live e performance artistiche.

Quando nasce la Notte Bianca?

Nasce il 6 dicembre 2005. Il movimento studentesco manifestava ed era in lotta contro la riforma Moratti. Dopo il corteo del 25 ottobre, che portò le grida degli studenti fin sotto al Parlamento, nacque l’intenzione di estendere la protesta in un movimento culturale indipendente.
La città universitaria si riempì di giovani, uniti da tavole rotonde culturali, spettacoli ed iniziative artistiche.

Com’è cambiata la Notte Bianca?

A gennaio 2018 è entrato in vigore un nuovo regolamento, firmato dal Magnifico Rettore Eugenio Gaudio, che permette l’autorizzazione ad organizzare eventi culturali negli spazi interni dell’Università ai soli soggetti iscritti a un albo delle associazioni studenteschemanife.
I collettivi, da sempre impegnati nell’organizzazione della Notte Bianca, si sono visti esclusi da tale possibilità.
Secondo quanto riportato dal il Manifesto, Mattia Scandolo, rappresentante degli studenti al Senato accademico, ha affermato che “attraverso la burocratizzazione imposta da simili regolamenti si cerca di limitare l’azione studentesca e i processi di attivazione e associazionismo. Si tende verso un modello che vorrebbe svuotare l’università dai contenuti politici che vivono, anche nelle iniziative serali, momenti importanti per contrastare il processo di atomizzazione della vita degli studenti..
Questa iniziativa ha trovato ulteriore impedimento nel nuovo regolamento di polizia urbana, che ha portato all’attuazione di misure stringenti a tutela del decoro urbano.

La Notte Bianca 2019: Sapienza Porto Aperto

I giovani non sembrano piegarsi ai cambiamenti attuati dai nuovi regolamenti.
Il 20 e 21 giugno si svolgerà la XIII edizione della Notte Bianca, che quest’anno si chiamerà “Sapienza Porto Aperto”. Il nome non è casuale: si vuole rendere la Sapienza un luogo accogliente, a fronte della marea femminista e della battaglia antirazzista che molti studenti stanno portando avanti.
In programma ci sono dibattiti sul tema dei migranti, concerti live, il workshop sulle molestie subite dalle donne, organizzato da “Guai a chi ci tocca”, mostre, performance artistiche e sportive e molto altro ancora.

#FacceCaso

Di Claudia Marano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0