Tempo di lettura: 2 Minuti

L’amore per l’arte riporta in vita ciò che il tempo distrugge

L’amore per l’arte riporta in vita ciò che il tempo distrugge

A Firenze gli studenti della scuola d’arte americana iscritti al corso di restauro, presentano al pubblico i loro lavori. Di Ludovica Gentili Immagina

Il mondo cosplay raccontato da uno di loro
Palermo: Capitale della Cultura italiana 2018
Raggiunge lo scopo della sua vita a 18 anni: la storia di Cliffannie Forrester

A Firenze gli studenti della scuola d’arte americana iscritti al corso di restauro, presentano al pubblico i loro lavori.

Di Ludovica Gentili

Immaginate una squadra di giovani restauratori alle prime armi e una serie di quadri della scuola fiorentina prossimi al degrado. Unite adesso le due cose e capirete come è stato possibile riportare a nuovo splendore 4 di undici dipinti risalenti al Settecento in pessimo stato di conservazione.

Ebbene si, la scuola d’arte americana di Firenze, la SACI (Studio Art Centers International Florence) ha realizzato questo piccolo miracolo con l’impegno dei suoi studenti e grazie ad un accordo approvato dalla Soprintendenza delle Belle Arti di Pisa e Livorno. Le opere restaurate, appartengono alla sacrestia e alla Chiesa di San Giacomo al Forte che fu al centro della rivolta dei detenuti del Carcere di Porto Azzurro dell’Isola d’Elba nel 1987. Un’iniziativa questa che mira a salvare l’arte, che si occupa di mantenere intatta nel tempo la bellezza delle opere, per consentire ai nostri occhi di poterne godere ancora a lungo.

11 sono in totale i quadri recuperati, dicevamo, ma al momento solo 4 di essi sono passati al restauro, con ottimi risultati. Non è la prima volta che la SACI si occupa di ridar vita ad opere rovinate dal tempo o dalle condizioni ambientali del luogo in cui si trovavano, già nel 1981 restaurò un cospicuo numero di opere gratuitamente. “Madonna del rosario e i Santi Domenico e Caterina”, “Le stigmate di San Francesco e i santi Luigi e Chiara”, questi alcuni dei nomi delle opere riportare alla luce.

Molte le personalità di spicco che hanno partecipato alla mostra “Dipinti fuori dal carcere”, tenutasi il 9 aprile alla “Sacy Gallery”, una la giornata in cui il lavoro degli studenti è stato reso pubblico. Con le sue attività non a scopo di lucro e i suoi insegnamenti nel percorso didattico, la SACI trasmette l’amore per l’arte, insegna il valore delle bellezza e del tempo ed è un esempio per i suoi studenti.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0