Tempo di lettura: 2 Minuti

I giovani italiani si danno alla pastorizia

Sono ben 2mila i ragazzi che nell'ultimo anno hanno deciso di di puntare sulle pecore. Tu ci hai mai pensato? #FacceCaso Stando alle ultime statistich

Istituto professionale Colombo: prof cade da tre metri per aprire una finestra
L’ennesimo round: Italia vs Inquinamento
Ecco le app per mantenere i Buoni Propositi di inizio anno

Sono ben 2mila i ragazzi che nell’ultimo anno hanno deciso di di puntare sulle pecore. Tu ci hai mai pensato? #FacceCaso

Stando alle ultime statistiche della Coldiretti, le pecore italiane tornano di moda e portano con sè un aumento dell’occupazione: nel 2016 sono ben 2mila i giovani che scelgono di puntare sulle pecore.
7,2 milioni di capi, quasi 200mila in più rispetto al 2010 secondo le stime della commissione europea.

“Le pecore dopo essere state a lungo dimenticate stanno vivendo un grande momento di riscossa con uno storico aumento delle greggi e l’arrivo di giovani pastori, proprio perché in Italia – sottolinea la Coldiretti – si è scelta una strada completamente diversa con l’innovazione nel rispetto della tradizione. A sostenere la rinascita è stato il boom della domanda all’estero di formaggi fono alla grande innovazione che ha rivoluzionato la pastorizia con contributi che spaziano dalla cosmetica alla moda, dall’edilizia alla scuola, ma anche la manutenzione ambientale, la pet therapy fino a nuovi prodotti, dal gelato al latte di pecora al pecorino senza colesterolo”.

Dopo tanto tempo, i giovani “Hanno scelto di mettersi alla guida di un gregge in una scelta di vita dove a preoccupare più della crisi in questo momento sono in ritardi e le inefficienze della burocrazia e gli attacchi degli animali selvatici, dei cinghiali ai lupi, che si sono moltiplicati nelle campagne”. Anche se in molti si limitano a seguire le orme dei genitori, ci sono anche ingressi ex novo spinti dalla voglia di trovare una occupazione alternativa a contatto con la natura. “Con i giovani pastori – rileva la Coldiretti – tornano anche le antiche razze e sono ben 38 quelle salvate dall’estinzione dagli allevatori italiani sulla base dei dati dei Piani di Sviluppo Rurale della passata programmazione”. #FacceCaso

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0