Tempo di lettura: 3 Minuti

In Italia i giovani non sono solo Neet, ci sono anche gli Eet!

In Italia i giovani non sono solo Neet, ci sono anche gli Eet!

Si parla sempre dei Neet, ma in Italia ci sono anche un sacco di giovani Eet. Scopriamo chi sono! Sì, è vero, siamo il Paese europeo con il maggior t

Un anno di lavoro per saltare gli esami
I giovani sono troppo istruiti
La Rai cerca noi giovani

Si parla sempre dei Neet, ma in Italia ci sono anche un sacco di giovani Eet. Scopriamo chi sono!

Sì, è vero, siamo il Paese europeo con il maggior tasso di Neet, ma i giovani italiani non sono solo questo. Sarebbe riduttivo classificarci tutti come nullafacenti o con poca voglia di mettersi in gioco. Ci sono tantissimi giovani che si impegnano e si fanno in quattro per apprendere e migliorarsi ogni giorno, sono gli Eet e sono la maggioranza!

Non esistono solo i Neet!

Ormai di chi siano i Neet ne abbiamo parlato tante volte, qui lo spieghiamo nel dettaglio, mentre qui parliamo delle diverse motivazioni che spingono le ragazze a diventare Neet piuttosto che i ragazzi. Sappiamo che in Italia sono il 2,7% dei giovani compresi tra i 15 e i 24 anni e che abbiamo “battuto” tutti i Paesi europei con questo dato.

Ma esistono anche altri dati che sono molto più ottimisti e meno scoraggianti. Sto parlando degli Eet, l’esatto contrario dei Neet.

Ecco chi sono gli Eet

L’acronimo Eet è uguale a Neet senza la “N” che sta per “Not”. Infatti Eet significa “Employed-Educated and trained“. Sono tutti i giovani che studiano, lavorano, sono impegnati in attività di tirocinio o apprendistato, e in moltissimi casi combinano due di queste attività.

Secondo i dati Eurostat gli Eet esistono e sono anche il motore del Paese. Sono i giovani con tanta voglia di fare e che non si lasciano scoraggiare dal clima post-crisi del momento che l’Italia sta vivendo. Sono i ragazzi e le ragazze che non ci credono quando ci dicono che “non avremo lavoro“, sono quelli che pur di trovarlo fanno dei veri sforzi. Lavorare per mantenersi gli studi, essere creativi e mettersi in gioco, inventarsi dei mestieri pur di non rimanere senza, rinunciare a parte del tempo libero per puntare a un futuro brillante… questo  e molto altro contraddistingue gli Eet.

Sono tantissimi i giovani imprenditori!

I dati di Unioncamere e di Infocamere mostrano un panorama dei giovani italiani tutt’altro che Neet. Infatti, il 30,4% delle nuove imprese nate nel 2017, anche dette “Start Up” sono guidate proprio da under 35. Ma ancora più interessante è vedere come questo numero sia cresciuto del 6,1% in un solo anno rispetto al 2016.

Questo tipo di aziende a conduzione giovanile, che in Italia oggi sono 566.268, rientrano per lo più nel settore delle telecomunicazioni ma anche nell’ambito dei servizi finanziari.

Insomma, basta aprire gli occhi per capire che noi giovani non siamo solo degli “sfaticati” come spesso veniamo dipinti! 

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0