Tempo di lettura: 1 Minuti

Da Napoli a Houston, viaggio per un premio

Due giovani artisti italiani hanno trionfato all'importante film festival. Se in passato vi hanno trionfato personaggi del calibro di Spielberg, David

Giovany, il 19 Aprile c’è il Festival di Spaghetti Unplugged!
#StiamoFuori: tutti in piazza!
Dal secchione al ripetente, ci sono tutti nella classe di Sanremo [III Parte]

Due giovani artisti italiani hanno trionfato all’importante film festival.

Se in passato vi hanno trionfato personaggi del calibro di Spielberg, David Lynch, Oliver Stone, John Lee Hancock, Ridley Scott, i fratelli Coen e Ang Lee vuol dire che proprio l’ultimo dei festival dedicati al cinema non è. Anzi, il World Fest Film Festival di Houston, Texas, è una delle rassegne più importanti del Nord America, seguito e considerato da tutti. E a portare a casa diversi premi, quest’anno, sono stati due italiani. Napoletani per l’esattezza.

Parliamo del regista Tullio Imperatore e il compositore Antonio Cafasso, vincitori dei premi “Miglior Mini-serie Tv” e “Miglior Colonna Sonora” per la docufiction “Combatto per Vivere”. A parlare della fiction e della vittoria, proprio Cafasso, appena rientrato nella Penisola: “Con un tuffo nella cultura underground che evidenzia i tratti storici e culturali che rendono Napoli una delle città più belle del mondo, il progetto trova ispirazione dalla vera storia di cinque ragazzi napoletani ballerini di breakdance, in arte knef crew, il cui talento è oggi riconosciuto a livello internazionale, superando tutte le difficoltà che una città come Napoli costringe ad affrontare quando si decide di inseguire un sogno”.

Beh, che aggiungere, oltre agli ormai noti ballerini, oggi è qualcun altro ad aver coronato il proprio sogno.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0