Tempo di lettura: 2 Minuti

A Chicago puoi dire ciò che vuoi

A Chicago puoi dire ciò che vuoi

Bellissima iniziativa del rettore. Quanto fastidio vi dà il “politicamente corretto”? Dover sempre utilizzare il termine adatto per non essere tacciat

Pantaloni, connessioni e cannabis, notizie scoppiettanti al TG USA
Nutella Cafè: sì Ferrero ha deciso di aprirne uno!
Piccole università italiane: regna Pisa!

Bellissima iniziativa del rettore.

Quanto fastidio vi dà il “politicamente corretto”? Dover sempre utilizzare il termine adatto per non essere tacciati di razzismo, misantropia, misoginia e chi più ne ha… Se vi dà davvero fastidio e non ce la fate più, allora siete come tutti gli studenti statunitensi che da ottobre sono scesi in piazza a favore della libertà di parola.

Tutto è iniziato grazie al rettore dell’università di Chicago Jay Ellisson, che ha ribadito mesi fa:

Quando sarete qui scoprirete che una delle caratteristiche fondamentali della nostra università riguarda l’impegno per proteggere la libertà di ricerca e di espressione. Tutti i membri della comunità sono dunque invitati a parlare, scrivere, ascoltare, criticare e imparare senza alcuna paura di censura”.

Il che non vuol dire poter offendere od il permesso di essere razzisti, ma poter parlare senza paura di offendere questa o quella cultura, questa o quella etnia. Significa, in parole povere, bandito dall’università il “trigger warning”: questo è un termine utilizzato per gli avvertimenti che indicano testi, eventi o lezioni ad alto rischio trauma per le minoranze.

Niente traumi, signori, siamo in America, dove, finalmente ma non ovunque, si può dire ciò che si vuole.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0