Tempo di lettura: 2 Minuti

Che fine faranno gli spazi di EXPO 2015?

Che fine faranno gli spazi di EXPO 2015?

In atto una vera battaglia contro l'idea, un po' confusa, del governo Renzi. Bello l’EXPO di Milano. Belle le file. Buono il cibo. Belli gli stand dei

Un Campus per studenti all’EXPO
Quell’agricoltura snobbata da molti oggi genera occupazione
Un’idea geniale di Luigi Ferrara per sfruttare Arexpo

In atto una vera battaglia contro l’idea, un po’ confusa, del governo Renzi.

Bello l’EXPO di Milano. Belle le file. Buono il cibo. Belli gli stand dei vari paesi. Belle le persone che l’hanno visto. Bello il cielo. Bella la vita. Bello tutto. Si, ma mo che ci facciamo con quest’area? Ebbene, signori e signore curiose,

vi sorgerà Human Technopole, un enorme entro di ricerca scientifica che si baserà sul lavoro di circa 1500 scienziati.

Prezzo? Secondo Renzi, un miliardo e mezzo in dieci anni. Ah, finalmente una buona notizia, finalmente l’Italia che spende du spicci per la ricerca. Eh no, perché si sono create delle questioni pure su questo, come al solito.

Innanzitutto, come sembrerebbe ovvio, il governo avrebbe dovuto aprire un bel bando nazionale a tutti gli enti di ricerca per richiedere lo sviluppo del progetto e dell’area, mentre ha scelto, inspiegabilmente, di demandare il tutto all’Istituto Italiano di Tecnologia (lit), centro con base a Genova. A questo punto, interviene tra i contrari Elena Cattaneo, biologa e farmacologa italiana, terza donna nella storia a ricevere la carica di senatrice a vita dopo Camilla Ravera e Rita Levi Montalcini, insomma, una che un’idea sulla ricerca italiana se l’è fatta. La senatrice presenta quindi un rapporto in Parlamento, specificando che si va verso “una strada che va contro la meritocrazia, perché in questa gara c’è un solo concorrente e ha già ritirato la prima coppa, quegli 80 milioni che l’Istituto ha ricevuto per scrivere il progetto”. Aspettiamo di vedere come andrà a finire ma, come al solito, riusciamo a rovinare con le nostre mani anche le cose “belle.

Il suddetto rapporto lo trovate a questo link (http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/972493.pd), sulla pagina del Senato della Repubblica Italiana, alla pagina 50, subito sotto quello riferito al portiere della Nazionale di calcio Mattia Perin. Mah.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0