Tempo di lettura: 3 Minuti

Da oggi a scuola si zappa la terra

Da oggi a scuola si zappa la terra

Nella scuola Setti Carraro di Palermo nasce l’orto curato dai ragazzi. La cooperativa sociale Orto Capovolto inizia letteralmente a “raccogliere i suo

SOS fumo tra i giovani
Il problema di genere dell’università
L’Università Statale di Milano taglia sei milioni di tasse

Nella scuola Setti Carraro di Palermo nasce l’orto curato dai ragazzi.

La cooperativa sociale Orto Capovolto inizia letteralmente a “raccogliere i suoi frutti”. Il progetto Orto(in)Colto che prevedeva la realizzazione di orti didattici negli spazi di pertinenza degli istituti scolastici e lo svolgimento di attività didattiche correlate, ha donato una nuova vita alla scuola media Setti Carraro di via Tiepolo.
“Abbiamo recuperato spazi abbandonati e ampliato l’offerta formativa – dice Laura Piacenti, dirigente dell’istituto – per i ragazzi è stato importante ripristinare il rapporto con la terra”.

 

183902754-9f1ce51d-4ba2-4c25-8616-1bcd351e626f

Zucchine, peperoni e pomodori arricchiscono un’area della scuola che era ormai dimessa, per la gioia dei ragazzi che hanno preso parte all’iniziativa zappando, seminando e concimando le piante.
“E’ un percorso che riesce a coniugare l’educazione ambientale e l’educazione alimentare attraverso l’agricoltura urbana – dice Angelica Agnello, presidente della cooperativa sociale – e lo fa attraverso dieci incontri teorico-pratici che hanno scopo di trasformare le aree verdi degli istituti scolastici, spesso abbandonate, in veri e propri giardini commestibili a scopo didattico”.
Un’iniziativa, quella promossa da Orto Capovolto, che ha l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi partendo dallo studio dell’agricoltura biologica, passando per la costruzione con materiali di riciclo da curare quotidianamente in aula, fino ad arrivare alla realizzazione di un vero e proprio orto nel cortile della scuola.

Bella idea, #FacceCaso!

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0