Tempo di lettura: 1 Minuti

Addio allo schermo. Le serie tv cancellate a fine Maggio

Addio allo schermo. Le serie tv cancellate a fine Maggio

I principali network americani in questi giorni hanno annunciato la cancellazione di alcuni programmi per la prossima stagione. Tra i saluti più celeb

Download illegali: ecco le serie tv più ricercate nel 2016
Game of Thrones sui francobolli inglesi!
Westworld, la nuova serie avrà il successo di Game of Thrones?

I principali network americani in questi giorni hanno annunciato la cancellazione di alcuni programmi per la prossima stagione. Tra i saluti più celebri True Detective e The Good Wife.

C’eravamo tanto amati. Ma forse neanche troppo. A volte è questa la sintesi del rapporto che ormai si è instaurato tra noi e le serie Tv, che da qualche anno a questa parte hanno inondato il mercato televisivo, spodestando secondo molti i film dall’attenzione degli spettatori. Non è un caso che diversi celebri attori si stiano dedicando sempre più al piccolo schermo, trascurando gli impegni cinematografici.
Se da una parte abbiamo il riscontro di grandi successi, come Game of Thrones, House of Cards e Breaking Bad, insieme a molti altri fenomeni mediatici internazionali, altre volte ci passano sotto il naso decine di serie Tv, con risultati meno fortunati, se non inesistenti. Prontamente ogni anno i produttori della Tv via cavo pubblicano la programmazione per l’anno a venire, evidenziando quali siano i programmi destinati ad abbandonare il palcoscenico.

Quest’anno sono stati diversi i casi emblematici, andiamo a vedere i più interessanti.

  • Bordertown: creata sulla falsariga dei cartoni irriverenti, tipo Griffin e Simpons, ha come produttore Seth McFarlane, autore proprio de I Griffin . Storia di un agente di frontiera e un immigrato messicano, ha raccolto pochi spettatori, chiudendo dopo una sola stagione.
  • Castle: Thriller poliziesco ambientato a New York; si tratta di un addio illustre, vista la media di ascolti sui 10 milioni a puntata e la continuità di otto stagioni. A causa del mancato rinnovo di contratto della co-protagonista, Stana Katic, e per motivazioni economiche, ecco che la Abc ha deciso di calare il sipario.
  • The Good Wife: la Cbs trasmetteva da ben 7 stagioni questa serie. Storia di un’avvocato, Alicia Florrick (Julianna Margulies), che torna a lavorare dopo tredici anni per provare l’innocenza di suo marito, un procuratore accusato di corruzione e coinvolto in uno scandalo sessuale. Nonostante il successo consolidato, la Cbs ha annunciato la separazione con i produttori, mettendo fine anche allo show.
  • Limitless: spinoff del ben più celebre film interpretato da Bradley Cooper. Mezzo fiasco, come della metà si sono dimezzati gli ascolti dalla prima all’ultima puntata (da 14 a 7 milioni). Goodbye dopo una stagione.
  • Mike & Molly: Sitcom molto seguita anche in Italia (trasmessa da Mediaset Premium), la Cbs ha deciso di sospenderla dopo 6 stagioni di buoni ascolti. La storia di una simpatica coppia obesa era curata da Chuck Lorre, creatore di cosucce da poco come The Big Bang Theory, Due uomini e mezzo e Dharma e Greg. È venuto meno l’accordo con la Warner Bros per il rinnovo stagionale.
  • True Detective: probabilmente è questo il nome che fa più scalpore. Due stagioni agli antipodi tra loro, la prima dal successo strepitoso, con Matthew Mc Conaughey e Woody Harrelson, capaci di raccogliere i pareri più che positivi di una critica che l’aveva definita tra le più belle serie tv della storia. La seconda stagione, con il cambio dei due per Colin Farrell e Vince Vaughn, ha visto ribaltare i pareri, deludendo molto le aspettative. Storia di omicidi, corruzione e giochi di potere, la Hbo si è vista costretta a sospendere la produzione della terza stagione. Probabilmente l’unica serie che in un futuro potrebbe ripresentarsi. Magari con i giusti interpreti.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0