Tempo di lettura: 2 Minuti

Corsa alle cattedre universitarie: solo i migliori avranno accesso!

Corsa alle cattedre universitarie: solo i migliori avranno accesso!

Nuovi parametri per acquisire l’abilitazione all’insegnamento universitario. Ministra Giannini: “Semplificare le procedure, aumentare la selettività”.

Le Lauree cui sicuro non hai fatto caso
1.000 euro in palio per studenti di scuola superiore e universitari in tema di mutamenti climatici
Click Days in arrivo: l’Università Telematica Niccolò Cusano mette in palio 75 borse di studio

Nuovi parametri per acquisire l’abilitazione all’insegnamento universitario. Ministra Giannini: “Semplificare le procedure, aumentare la selettività”.

Di Silvia Carletti

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini aveva toccato l’Università già nel mese di marzo quando si era prevista la possibilità di una procedura, per così dire “a sportello”, che avrebbe consentito di presentare le domande per gli aspiranti Prof universitari in qualunque momento dell’anno.

Le novità introdotte in questi giorni sono invece correlate alle conoscenze e competenze che i professori dovranno dimostrare di possedere mediante un rigoroso elenco di requisiti, ma nel frattempo si sta operando anche una “semplificazione” delle procedure con “tempi più certi di svolgimento”, come assicurato dalla ministra. Vediamoli nel dettaglio.

L’ASN, ossia l’abilitazione alla cattedra, potrà essere ottenuta da candidati che abbiano all’attivo dalle 10 alle 16 pubblicazioni relativamente all’area disciplinare in cui si opera. Nel giudizio avrà un ruolo fondamentale la qualità del lavoro svolto: originalità, diffusione in ambito editoriale nazionale e internazionale, metodologia, innovazione. Per quanto riguarda invece la valenza dei titoli, i docenti saranno valutati su più fronti:

la partecipazione a convegni e progetti di ricerca in Italia e all’estero, l’affiliazione con accademie, l’assegnazione di premi e riconoscimenti, e cosa più innovativa, l’impatto del prodotto derivante dall’attività di ricerca scientifica sul panorama industriale.

Il decreto fa quindi riferimento ad un “innalzamento” dei parametri rispetto al passato, ma come verrà attuato? Riusciranno questi nuovi provvedimenti a trovare riscontro pratico nella realtà degli atenei italiani in breve tempo? La qualità sarà effettivamente più elevata?

Le premesse sembrano esserci, la ministra ha dichiarato di voler intraprendere questo percorso già dal mese di Luglio prossimo… Intanto, buono studio anche a voi, Prof!

Di Silvia Carletti

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0