Tempo di lettura: 1 Minuti

Ciao mamma, vado a cercare fortuna al Centro-Nord

Ciao mamma, vado a cercare fortuna al Centro-Nord

La “fuga di cervelli” dal Meridione sta letteralmente svuotando le università del Sud, sempre più disastrate. Dove andremo a finire? FacceCaso. Mi chi

Università, la sicurezza negli ambienti di studio
Università in Italia, ecco alcuni dati di InfoData
Per guadagnare bene bisogna studiare matematica

La “fuga di cervelli” dal Meridione sta letteralmente svuotando le università del Sud, sempre più disastrate. Dove andremo a finire? FacceCaso.

Mi chiamo Francesca (Romana), ho vent’anni e frequento il primo anno di ingegneria presso l’università La Sapienza di Roma. In classe saremo sì e no un centinaio calcolando i fuori corso, chi scalda la sedia, gli amici degli amici che dopo pranzo non hanno di meglio da fare che venire a farci compagnia in aula. Tra noi solo il 40% degli aspiranti ingegneri viene da Roma, per il resto sono tutti fuori sede. Come mai? Ti starai sicuramente chiedendo.. i dati al riguardo parlano chiaro.

Il fenomeno in questione è noto come “fuga di cervelli” dal Meridione, fuga che ogni anno porta via dalla regione Puglia per esempio, oltre 6mila matricole alla ricerca di opportunità verso il Centro-Nord.

I numeri del rapporto dell’Arti dicono che dal 2004 al 2011, tra gli atenei di Bari, Foggia e Lecce si è registrata una contrazione del 22,2% di immatricolazioni a fronte di un calo nazionale inferiore e pari al 16%. La popolazione giovanile tende a calare nel Mezzogiorno e a ripopolarsi al Nord grazie all’immigrazione. “Si tratta di un monitoraggio come strumento di lavoro non come categorico giudizio” avverte la presidente dell’Agenzia regionale per la tecnologia e l’innovazione Eva Milella.

Ciò non toglie che nel 34,1% dei casi, i ragazzi pugliesi preferiscano studiare in atenei collocati fuori regione. Dei 19.134 immatricolati nel 2012-2013, solo 12.618 (65,9%) ha scelto un’università della regione contro un residuo 34,1% (6516 studenti) che hanno scelto la “fuga”.

“Va innanzitutto notato che in alcuni casi si tratta di classi di laurea non presenti in regione: questo fenomeno però è limitato, riguarda 195 immatricolati fuori regione, cioè il 3% del relativo totale” prosegue Eva Milella. Dati sconcertanti che portano ad una triste conclusione: difficile, anzi difficilissimo, fare carriera universitaria in Italia, in generale, e al Sud, in particolare. Tu che ne pensi? #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0