Tempo di lettura: 3 Minuti

L’Università di Perugia ti fa volare

L’Università di Perugia ti fa volare

Prezzo fisso per i fuorisede perugini sui voli Mistral Air. L'Università intercede e ottiene delle agevolazioni. Lo studente fuorisede spende un sacco

Il sogno dei fuori sede si chiama Tersa Steam
Forum universitario dei fuorisede: quando si investe nel futuro dei ragazzi
Occhio al portafogli, a Roma e Milano un fuorisede spende di più

Prezzo fisso per i fuorisede perugini sui voli Mistral Air. L’Università intercede e ottiene delle agevolazioni.

Lo studente fuorisede spende un sacco di soldi soprattutto per tornare a casa con treno o aereo; anche con gli abbonamenti annuali, le tariffe sono comunque alte e non sempre si trova posto, cosa che costringe a organizzare il rientro in patria mesi prima della partenza. L’Università di Perugia ci ha pensato e ha preso accordi con la compagnia aerea Mistral.

Mistral è stata fondata 30 anni fa da Carlo Pedersoli, in arte Bud Spencer, venuto a mancare pochi giorni fa. Ad oggi, è l’unica compagnia nazionale che basa la sua esistenza su denaro totalmente italiano; attualmente è di proprietà del Gruppo Poste Italiane, che l’ha rilevata nel 2002.

Da oggi, venerdì 1 luglio, sono disponibili nuove tratte per Bari e Cagliari con partenza dall’Aeroporto San Francesco d’Assisi di Perugia.

Tutti gli studenti regolarmente iscritti agli atenei umbri potranno usufruire di un prezzo fisso a tratta aerea pari a 60 euro; questa tariffa comprende tasse aeroportuali, bagaglio a mano e bagaglio da stiva.

Per poter ottenere l’agevolazione, che non è soggetta a limitazione di posti, basta inserire nel sito di Mistral Air il codice UNIPG16, una volta scelto il volo d’interesse. Poi, in aeroporto, i ragazzi dovranno esibire il libretto universitario durante le normali procedure di identificazione e di sicurezza che precedono la partenza.

Considerando che i bagagli aggiuntivi costano (e anche parecchio), è una buona notizia per tutti coloro che, specialmente in periodo estivo, tornano a casa portandosi dietro valigie e zaini di grandi dimensioni.

Lo studio non può essere un lusso e tutte le città devono essere accessibili a tutti i ragazzi desiderosi di inseguire al meglio la loro vocazione.

Questo è un modo per andare incontro ai tanti studenti perugini con origini baresi e cagliaritane. Si spera che a breve l’idea si allarghi anche ad altre rotte.

Di Giulia Pezzullo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0