Tempo di lettura: 1 Minuti

Lontani da casa – Guida semiseria per gli studenti fuorisede: ep. 5

Da fuorisede a fuorisede, ecco tutti i nostri disagi e qualche consiglio per superare le difficoltà. CAPITOLO QUINTO: LA VITA UNIVERSITARIA Siamo arri

Louisiana2.0: solo studenti bianchi
Affitto mio, quanto mi costi: 402€, spese escluse (di media!)
In Campania si fugge delle Università

Da fuorisede a fuorisede, ecco tutti i nostri disagi e qualche consiglio per superare le difficoltà.

CAPITOLO QUINTO: LA VITA UNIVERSITARIA

Siamo arrivati ad uno dei capitoli più belli per un fuorisede, quello della vita di tutti i giorni che si divide tra lezioni, studio e cazzeggio. Non necessariamente l’ordine è questo, anzi è difficile che lo sia in generale: il cazzeggio è sempre al primo posto.

No, non è vero però diciamo che occupa una buona parte del nostro tempo. Prima perché è troppo presto per iniziare a studiare e poi perché ormai è tardi, lo do al prossimo appello.

Ora c’è una grande differenza, se siede fuorisede, in una città universitaria o no. Perché nel primo caso uscire sarà molto più facile e meno scomodo dato che è tutto a portata di mano, se come me siete a Roma non sarà esattamente così ma ci si arrangia, ci sono gli amici.

Ecco, gli amici. È proprio vero che gli amici incontrati all’università sono quelli che rimangono nel cuore, loro saranno la vostra famiglia. Quelli a cui vi rivolgerete per qualsiasi problema, anche non avere i soldi per mangiare. Casa vostra, se siete fortunati, diventerà casa di tutti come casa degli altri sarà la vostra.

Non vi dimenticate mai, però, gli amici di casa. E questo è un consiglio spassionato di chi, almeno il primo anno, ha fatto questo errore.

Esami. Esami. Esami. È inutile dire di studiare già da settembre, perché nessuno lo fa e tantomeno ve lo consiglierei. Semplicemente prendetevi il vostro tempo e imparate il vostro metodo. Non fatevi influenzare, siete voi a doverli dare, non gli altri.

Un’ultima cosa. Essere lontani da casa è bello. Godetevelo, godetevelo ogni giorno.

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0