Tempo di lettura: 2 Minuti

Le Donne in Rete

Donne che parlano di salute tra donne, per le donne. Ennesimo successo per l’organizzazione “Donne in Rete”. La famosa piattaforma online, è infatti r

Lotta all’Aids e prevenzione nelle scuole: test sanitari per i maggiori di 13 anni
Ucraina, a scuola impari a fare…la escort
HIV sconfitto, la medicina trionfa al TG USA

Donne che parlano di salute tra donne, per le donne.

Ennesimo successo per l’organizzazione “Donne in Rete”.

La famosa piattaforma online, è infatti riuscita ad entrare nella Iapo (International Alleance Patient’s Organization),

un’organizzazione fondata con lo scopo di rappresentate i pazienti malati di disturbi cronici, o disfunzioni o menomazioni croniche, presente in tutto il mondo. “Donne in Rete è un’associazione di donne per parlare di salute tra donne”, troverete sul loro sito, ed a proposito della collaborazione con Iapo, si è espressa proprio pochi giorni fa la loro presidentessa, Rosaria Iardino: “Siamo onorati di questo riconoscimento, e non nascondo l’entusiasmo che sentiamo oggi facendo parte di Iapo. In una società sempre più globalizzata e che vede i confini nazionali come qualcosa di limitante, era fondamentale per Donne in Rete un’alleanza che le permettesse di ampliare il proprio raggio d’azione. E’ importante per un’associazione come la nostra avere la possibilità di confrontarsi con scenari esteri; la medicina è una branca che fuori dall’Italia avanza velocemente e non potevamo essere tagliati fuori dal venire informati su progressi, sviluppi e potenzialità”.

Donne in Rete”, ha concluso la Iardino, “darà un contributo determinante nel portare sul panorama internazionale le esigenze, i bisogni, le necessità dei pazienti affetti da epatite, hiv/aids, hpv e artrite reumatoide; che poi sono molto simili a quelli dei pazienti dell’intera fascia europea meridionale, dove i fondi e i soldi a disposizione della sanità pubblica sono sempre meno ed occorre una forte rappresentatività per continuare a far valere i propri diritti”.

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0