Tempo di lettura: 2 Minuti

Allarme istruzione in Libano

Allarme istruzione in Libano

Human Rights Watch nel proprio rapporto riporta numeri preoccupanti. Di Ludovica Gentili Cresce la condizione di analfabetismo e mancanza di istruzion

“Caro Gaudio, chi decide?”: ecco la risposta degli studenti della Sapienza
L’Italia piazza il tris tra le 10 migliori piccole Università del mondo
Twitter si rifa il volto

Human Rights Watch nel proprio rapporto riporta numeri preoccupanti.

Di Ludovica Gentili

Cresce la condizione di analfabetismo e mancanza di istruzione

in Libano, dove più della metà dei bambini in età scolare resta sprovvista di insegnamenti e fuori dal sistema scolastico.

Un controsenso se si pensa che a tutti i rifugiati siriani è stato permesso di iscriversi gratuitamente alle scuole pubbliche senza particolari vincoli riguardo alla residenza e nonostante questo però c’è chi resta ancora senza istruzione.

Human Rights Watch ha condotto una serie di indagini, interviste e studi per sviluppare una serie di considerazioni che mirano alla denunzia e alla risoluzione del caso, i numeri estratti fanno pensare a quanto la situazione sia particolarmente critica e a quanto si necessita di una ristrutturazione in tempi brevi.

Se prima le norme relative alla residenza non erano particolarmente severe e questo permetteva l’inserimento più facile dei bambini all’interno delle scuole, oggi la situazione si è modificata in modo più rigido, impendendo a molti di mantenere la residenza che permetterebbe loro di accedere nelle scuole.

Un altro aspetto riguarda la condizione economica delle famiglie siriane, di cui almeno il 70% vive al di sotto delle normali possibilità. Uno status che impedisce di poter sostenere le spese scolastiche imposte, per questo molti sono costretti a far lavorare i propri figli piuttosto che fargli frequentare la scuola.

Un cane che si morde la coda e un meccanismo che porta sempre più al lavoro minorile.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0