Tempo di lettura: 1 Minuti

Nuova vita per l’Università di Brescia: al via tecniche sismiche innovative

Nuova vita per l’Università di Brescia: al via tecniche sismiche innovative

1.500.000 spesi per realizzare pareti in grado di riprodurre gli effetti sismici sugli edifici e sulle infrastrutture e di registrarne il comportament

L’Università italiana, un popolo di raccomandati: non è vero!
Scabbia tra i banchi di scuola
Laurea dell’Università Cattolica valida anche in USA

1.500.000 spesi per realizzare pareti in grado di riprodurre gli effetti sismici sugli edifici e sulle infrastrutture e di registrarne il comportamento attraverso prove sperimentali. #FacceCaso.

Inaugurato venerdì 22 luglio l’ampliamento delle strutture del Laboratorio Prove Materiali “Pietro Pisa” del Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura, Territorio, Ambiente e Matematica dell’Università degli Studi di Brescia (Dicatam).Oltre 1.100 metri quadrati inglobati nell’edificio esistente ed interconnessi al percorso pedonale interno del presso est di Ingegneria.

Ad occuparsi dei lavori, l’impresa Sigeco Costruzioni srl che con un impiego complessivo di circa 1.500.000 euro ha realizzato due pareti di contrasto esterne di 12 metri di altezza in grado di riprodurre gli effetti sismici sugli edifici e sulle infrastrutture e di registrarne il comportamento attraverso prove sperimentali.

L’obiettivo principale del progetto “Riqualificazione del costruito in muratura: sicurezza sismica e comfort” (Sismacomf) è quello di rimettere in sesto gli edifici grazie all’utilizzo di uno speciale intonaco innovativo che assicura la fruibilità dell’abitazione anche durante i lavori per l’applicazione dell’intonaco rinforzante.
“Il progetto Sismaconf – dichiara Salvatore D’Erasmo, Presidente della Tri S.r.l. – riveste importanza strategica perché corona lunghi anni di proficua collaborazione tra Università ed Impresa nella ricerca di materiali da costruzione realmente innovativi, suscettibili di costruire un’autentica rivoluzione, rispetto all’esistente, sia nell’ambito antisismico, sia in quello della fonoassorbenza e termoisolamento. Rivoluzione già perceita da alcune tra le più importanti realtà internazionali, che la sperimentazione attraverso il progetto HealthWealth potrà offrire al mondo scientifico ed economico in tutta la sua straordinaria rilevanza”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0