Tempo di lettura: 3 Minuti

Ragazzi in prima linea per “salvare” i portafogli dei turisti di Ponza

Ragazzi in prima linea per “salvare” i portafogli dei turisti di Ponza

I Giovani imprenditori della Cooperativa Azzurra hanno inventato una card che permette di risparmiare. Ragazzi, qua si parla di Ponza. Una perla. Un'i

Studiare in Gran Bretagna ti garantirà un ottimo stipendio, FacceCaso!
I maturandi sono pronti?
L’America: fuori ora il nuovo video del cantautore toscano Gionata

I Giovani imprenditori della Cooperativa Azzurra hanno inventato una card che permette di risparmiare.

Ragazzi, qua si parla di Ponza. Una perla. Un’isola conosciuta in tutto il mondo e meta ambita per turisti di ogni angolo della terra. E diciamo pure che per noi è da sempre sinonimo di svago e vacanza post-esami. Tutto bellissimo, anche se Ponza, di salato, non ha solamente il mare. La vita, sull’isola, non si può certo definire “cheap” come quel paio di jeans presi in saldo la scorsa settimana.

E chi decide di cambiare le cose? Noi giovani! Il team della Cooperativa Azzurra ha ideato e concretamente realizzato una card che concede sconti importanti su diversi servizi. Il progetto si chiama “Ponzesi per scelta”, nome, passatemi il termine, patriottico che mette ancora di più in luce la gran voglia dei ragazzi di Ponza di valorizzare il loro piccolo paradiso.

Tra i fondatori c’è Michele Aversano, un 25enne che, come racconta lui stesso, ha dato vita al progetto “quasi per caso, un giorno, davanti ad un caffè”. “Ponza – prosegue – è una miniera d’oro non sfruttata e per farla decollare serve un cambio di mentalità da parte degli operatori, tra loro stessi e nei confronti del turista”. Pensa che, come ricorda Michele, “la card ha coinvolto 50 attività, ma tanti vogliono aderire e l’anno prossimo saranno di più, con ulteriori novità”.

Il costo è di 7,50 Euro e “si possono ottenere sconti su tutti i servizi, anche sulla spiaggia del Frontone gestita dalla Cooperativa Azzurra, ad esempio, così come per affittare la barca o l’aperitivo”.

In sostanza, la card “serve a mettere in rete le imprese, facendo sì che si aiutino tra loro creando, perchè no, della sana competizione con chi non ha aderito al progetto”.

Poco altro da aggiungere: noi ragazzi ci sappiamo davvero fare quando ci mettiamo d’impegno, #FacceCaso.

Di _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0