Tempo di lettura: 2 Minuti

Parma: in crescita il numero di studenti stranieri

Parma: in crescita il numero di studenti stranieri

La percentuale media di studenti stranieri iscritti supera ben il 20%. Il commento dei dirigenti: "Una risorsa per tutti". #FacceCaso. La scuola ha or

34enne italiano in coma per aggressione
Finalmente il primo “Salone delle Lingue”!
Medicina? In bocca al lupo!

La percentuale media di studenti stranieri iscritti supera ben il 20%. Il commento dei dirigenti: “Una risorsa per tutti”. #FacceCaso.

La scuola ha ormai preso il via in gran parte d’Italia e a Parma, tra chi si appresta a sedersi sui banchi, un numero sempre maggiore è rappresentato dagli studenti stranieri.

In crescita le fasce di età della scuola primaria (6-10 anni) che fanno registrare uno +2,7% rispetto allo scorso anno, così come la scuola media (11-13 anni) con +1.7%. La percentuale media di studenti stranieri iscritti supera ben il 20% come conferma il progetto “Scuole e culture del mondo” del Comune di Parma, giunto al suo quindicesimo anno. Una rete promesso dal Comune in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale, prefettura e dipartimento di Lingue e letterature straniere dell’università che copre tutte le scuole del primo ciclo di istruzione di Parma e di diciannove Comuni della provincia.

“Questo progetto dà la misura di come azioni inclusive possano essere davvero efficaci. La percentuale di alunni stranieri è il notevole aumento. Utilizzare strumenti come questo di programmazione e sostegno trasforma in opportunità quella che agli occhi di molti può sembrare un problema: far sentire infatti meno soli coloro che si trasferiscono da noi, e da loro gli strumenti per interagire con la società in cui si trovano. Un modo per farsi che diverse etnie non vengano lasciati a sè, ma seguono un percorso di integrazione a cominciare dalla lingua, e lo portino avanti nelle varie classi scolastiche” commenta la vicesindaca Nicoletta Paci, con delega alla Scuola.

“Abbiamo percentuali molto alte di alunni stranieri, che vanno dal 40 al 50% di tutte le nazionalità – conclude Maria Teresa Pastorelli, dirigente scolastico dell’istituto Micheli – questo rappresenta una risorsa per noi, perché tutti nostri alunni, compresi quelli italiani, imparano a relazionarsi tra di loro, e si avvitano fin da piccoli ad aprire la mente e a rapportarsi con i loro coetanei provenienti da, ogni parte del mondo, sì, noi abbiamo tutto il mondo presente sugli stessi banchi di scuola”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0