Tempo di lettura: 1 Minuti

Riccardo Zangelmi è il primo Lego Certified Professional italiano

Riccardo Zangelmi è il primo Lego Certified Professional italiano

Nel mondo sono solo 14, uno è italiano. #FacceCaso. Lo sapevate che nel mondo esistono solo 14 Lego Certifed Professional e che Riccardo Zangelmi, cla

I singoli del Venerdi: speciale Sanremo
UniTorino: sconti sulle tasse universitarie, ma non per i fuoricorso
Il liceo classico Dante di Firenze ha conservato per quasi un secolo 100 bobine dell’Istituto Luce

Nel mondo sono solo 14, uno è italiano. #FacceCaso.

Lo sapevate che nel mondo esistono solo 14 Lego Certifed Professional e che Riccardo Zangelmi, classe 1981, Reggio Emilia, è uno di loro?

La passione se unita al talento, può diventare un lavoro, è così che a 28 anni, Riccardo inizia il suo percorso all’interno del mondo Lego. Dopo pochi anni le sue opere sono in mostra ad eventi e fiere, ma il giro di boa arriva nel 2013-2014, grazie alla riproduzione dell’opera Di M. C. Escher “Relatività”. Il suo lavoro riscuote così tanto successo che a parlarne è addirittura il quotidiano britannico Daily Mail. Nel 2015, fonda la sua società, Brick Vision, e nello stesso anno parte la collaborazione con la Lego.

13615134_10202075937377612_3109409651628060690_n

“Realizzo modelli 3D, sculture, mosaici ed eventi a tema leggo. La grandezza delle opere è variabile: data e 5 cm ai 5 m. Tendo a lavorare da solo, a partire dalla progettazione. A volte di sé nel progetto prima di costruire, altre volte inizia mettermi all’opera, con un’idea ben definita in testa. Dalle mie opere prediligo Peace, il simbolo della pace. Poi c’è Relativity”, spiega Riccardo.

1475160398__7005153-696x390
I Lego Certified Professional non sono dipendenti Lego, ma business partner. Riccardo darà libero sfogo alla sua fantasia e creatività all’interno del suo studio di Reggio Emilia dove possiede milioni di mattoncini colorati.

“Ho un altro progetto in testa e lo realizzerò Trani e mezzo: una mia mostra, rigorosamente il lego, che avrà un filo conduttore: entusiasmo di un bambino, inteso come fonte di spiegazione e parte integrante dell’universo. A volte ce ne dimentichiamo. Perciò l’essenza delle mie opere”. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0