Tempo di lettura: 1 Minuti

People on the Move, l’app che salva la vita ai migranti

Lo strumento permette efficacemente di raccogliere informazioni di carattere medico in forma anonima. #FacceCaso. Si chiama People on the Move ed è un

Com’è il mondo dei giovani tra lavoro e studio
E dopo lo smartphone ecco i computer: Pixelbook per Google
I soldi di una multa a Google per sostenere i giovani imprenditori: l’idea di Matteo Biasi

Lo strumento permette efficacemente di raccogliere informazioni di carattere medico in forma anonima. #FacceCaso.

Si chiama People on the Move ed è un’applicazione che salva vite umane. Nata dalla collaborazione tra Medici senza frontiere e la Fondazione IBM Italia, l’app aiuta i migranti e i richiedenti asilo durante il loro viaggio verso l’Europa.

Per ora è utilizzata in Serbia, al confine ungherese e sulla nave Bourbon Argos dove in assenza di connessione, lo strumento permette efficacemente di raccogliere informazioni di carattere medico in forma anonima ed inserirli automaticamente in un database.

Grazie a People on the Move sarà possibile quantificare la presenza di minori, donne e i traumi subiti durante il viaggio in brevissimo tempo facilitando il lavoro dei medici e degli psicologi.

Geniale no? #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0