Tempo di lettura: 2 Minuti

Brevetti, crescita e innovazione: Cina docet. Se ne parla all’Università di Udine

Brevetti, crescita e innovazione: Cina docet. Se ne parla all’Università di Udine

L'Università di Udine analizza un’epoca in cui la tecnologia e l’innovazione fanno da padroni e in cui è sempre più indispensabile scoprire, creare in

Il Natale si avvicina, sì ma non in Cina. Vi racconto il mese di dicembre quaggiù
NOstra scende in campo per il referendum sul taglio dei parlamentari
Firenze incontra Shanghai

L’Università di Udine analizza un’epoca in cui la tecnologia e l’innovazione fanno da padroni e in cui è sempre più indispensabile scoprire, creare inventare.

Data l’ingente crescita di quelle che oggi chiamiamo “creazioni intellettuali” (“opere dell’ingegno” nel campo letterale ed artistico; “invenzioni industriali” nel campo della tecnica), nasce l’esigenza di proteggere tale patrimonio per tutelare l’autore e l’inventore da appropriazioni altrui: nascono il diritto d’autore e i brevetti.

Con particolare riguardo ai brevetti, questi costituiscono uno degli strumenti di forza e di crescita economica di molti paesi, prima tra tutti la Cina, perché dinamismo nella creazione e registrazione di opere (tecnologiche) brevettate significa investimento nel futuro, crescita.

Di tutto questo si è parlato il 16 maggio scorso, in una lezione organizzata all’interno di un ciclo di seminari sull’impresa organizzati da Start Cup FVG all’Università di Udine. L’incontro, a cui ha partecipato anche lo studio GLP (specializzato in proprietà), si intitolava “L’idea innovativa e la sua tutela” ed era finalizzato a trattare le basi della tutela delle invenzioni industriali, alla presenza dei ricercatori che sono ne sono i primi artefici.

Si è sottolineato come la Cina, un paese in evidente crescita negli ultimi 20 anni, con un PIL quadruplicato dal 2000 ad oggi, debba ringraziare anche i brevetti: solo nel 2015 ne sono stati depositati ben 1.100.000, superando addirittura l’America e di quattro volte tutta l’Europa.

“L’entusiasmo dei giovani ha bisogno di essere indirizzato affinché idee e progetti non siano finalizzati a sé stessi, ma diventino la base per costruire un progresso tecnologico ed economico” – ha sottolineato Davide Petraz, socio contitolare di GLP – “La cultura dell’innovare però necessita di essere accompagnata da una cultura della proprietà intellettuale: la tutela di marchi e brevetti è fondamentale in una visione strategica di medio-lungo periodo. È un dato di fatto che i Paesi dove vengono depositati più brevetti, ci sia anche un maggior impulso alla crescita e allo sviluppo»”.

A testimoniare tanto, ha appositamente presenziato Ran Jia, tra i cinesi più esperti e preparati in tema di proprietà intellettuale che ha affermato come i brevetti siano alla base della crescita e dello sviluppo del suo paese.

Un brevetto, inoltre, permette anche di valorizzare economicamente l’invenzione, come ha raccontato Davide Petraz: “L’ICC (la Camera di Commercio Internazionale) nell’Intellectual Property: Powerhouse for Innovation and Economic Growth 2011 ha confermato che – a parità di condizioni – un’invenzione brevettata ha un valore economico doppio rispetto ad una non brevettata”.

Insomma ragazzi, diamoci da fare e chi ha un’idea la sviluppi e la brevetti, ne va anche del futuro del nostro paese, non solo quello delle tasche dell’inventore.

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0