Tempo di lettura: 3 Minuti

Fare fortuna in Cina? Il master dell’Inps può fare al caso vostro!

Fare fortuna in Cina? Il master dell’Inps può fare al caso vostro!

Un aiuto concreto per chi vuole formarsi e lavorare in Cina. La Cina sta ricoprendo un ruolo sempre più rilevante nel capitalismo globale. Il gigante

Non solo Influencer: ecco il corso per YouTuber
Lo street food è un affare per giovany
Università: l’obiettivo è attirare più studenti stranieri

Un aiuto concreto per chi vuole formarsi e lavorare in Cina.

La Cina sta ricoprendo un ruolo sempre più rilevante nel capitalismo globale. Il gigante asiatico infatti si sta affermando come seconda economia a livello planetario.
Il commercio mondiale cambia di pari passo con lo scacchiere geo-politico. Uno scenario lontano dove però fare business e affari non è più un’utopia. Per dedicarsi ad un attività del genere, diventa fondamentale lo studio dei meccanismi che regolano l’economia orientale.
Il master in international business in China, promosso dall’Inps, può essere davvero utile. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Four Stars, la School of Management dell’Università Lum Jean Monnet e la Camera di commercio di Milano.

Un percorso formativo e lavorativo che si articola di 10 borse di studio da 10000 euro destinate a giovani under 40. Tra i requisiti, quello di essere figli e orfani dei dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione.

Il master universitario Mibc, giunto alla terza edizione, costituisce un’opportunità di alta formazione professionalizzante” spiega Chiara Grosso, presidente e Ceo di FourStars.

Un corso che si caratterizza per avere un taglio “molto pratico” e orientato sull’asse tra il nostro Paese e la Cina. Si punta infatti a rafforzare il Made in Italy, che nel paese asiatico ha pochi rivali.

E in futuro ne potrebbe avere sempre meno. La rapida crescita della classe media cinese infatti, rappresenta una grande opportunità di guadagno per le aziende italiane e per i loro prodotti.

Proprio per questo motivo il master vuole fornire competenze specifiche sui due settori target del nostro export: l’alta moda e il cibo.
Le lezioni partiranno il 19 febbraio a Milano nella sede di Nibi-Camera di Commercio di Milano.

A giugno i partecipanti partiranno alla volta di Shanghai per un corso intensivo di lingua cinese all’università Suibe e successivamente faranno un tirocinio in azienda.
Settecento anni fa Marco Polo si recò in Cina per commercio: perché a distanza di secoli non potremmo farlo anche noi per lo stesso motivo?

#Faccecaso

Di Luca Pennacchia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0