Tempo di lettura: 3 Minuti

Ecco il torneo di Rugby per soli studenti universitari

Ecco il torneo di Rugby per soli studenti universitari

Sarà un weekend ricco di emozioni all'insegna dell'amicizia e del Rugby nel centro sportivo Giuriati, nella città studi di Milano. Dal 20 al 23 lugli

Un’università unica in Toscana non è utopia
Alla scoperta di Bonfire, l’app per chattare in gruppo
Da Camilleri al bambino di Shining, ecco 5 professori che non ti aspetti

Sarà un weekend ricco di emozioni all’insegna dell’amicizia e del Rugby nel centro sportivo Giuriati, nella città studi di Milano.

Dal 20 al 23 luglio si svolgerà sul campo del centro sportivo Giuriati, nella città studi di Milano, il trofeo di “EUSA rugby a 7” dove 300 giocatori provenienti dagli atenei di tutta Europa si contenderanno la coppa.
Il torneo in particolare è organizzato da Cus Milano con Cus Milano Rugby.

Il trofeo di rugby fa parte dei campionati universitari europei 2017 organizzati con 19 sport che consentono agli studenti-atleti di conoscersi e sfidare le proprie capacità in una fantastica atmosfera amichevole.

Durante tutti questi eventi che si svolgono in vari sedi lungo tutto il territorio europeo, gli organizzatori hanno il desiderio di far conoscere altre culture e promuovere il concetto di mente sana in un corpo sano. Le squadre milanesi che rappresentano la nostra nazione devono riscattare il secondo posto ottenuto nella precedente edizione di Budapest di due anni fa.

Ad un giovane partecipante è stato chiesto perché abbia scelto la palla ovale, la risposta è stata diretta: “Questo sport ci permette di stringere relazioni profonde, insegna valori come il rispetto e il sacrificio, però ogni tanto devo rinunciare a qualcosa, ma nel complesso riesco a gestirmi bene. Chi gioca lo fa solo per passione, non ha secondi fini”.

Aggiunge lo studente che ama il rugby: “Mi insegna a gestire l’ansia ma soprattutto è uno sfogo. Da bambino in campo potevo fare tutto quello che fuori era proibito. Ora è un modo per scaricare la tensione dello studio”.

Tant’è che, senza lo sfogo giornaliero nei campi non riuscirebbe altrettanto bene a frequentare l’università e proseguire gli studi. Il giovane studente non si dispiace nemmeno per il poco tempo libero che gli rimane a disposizione.

Si sa che lo sport è vita e queste iniziative soprattutto in ambito universitario dove lo studio prevale su tutto, sono importanti per far sì che l’attività studiosa sia alternata a quella sportiva anche semplicemente dilettantistica e amichevole.

#FacceCaso

Di Gianmarco Saulli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0