Tempo di lettura: 2 Minuti

A Milano il liceo con il prof sharing

A Milano il liceo con il prof sharing

Prof sharing, e l’insegnante scambia classe per metodi di insegnamento plurimi. La novità che parte dal linguistico Manzoni. Dopo il car sharing, ecc

Internet deve cambiare, lo dice il suo fondatore
Stop ai furbetti: l’Università di Parma licenzia quattro dipendenti
Germania VS inquinamento: 1-0

Prof sharing, e l’insegnante scambia classe per metodi di insegnamento plurimi. La novità che parte dal linguistico Manzoni.

Dopo il car sharing, ecco il prof sharing. Questo nuovo metodo parte da Milano, più precisamente il liceo linguistico Manzoni.
Una soluzione per gli studenti che non riescono a capire una determinata materia. “Didattica plurima” come l’ha definita il preside Giuseppe Polistena. I docenti della stessa materia si scambiano le classi per mostrare agli studenti approcci e punti di vista diversi sui temi trattati.

Sempre il preside ha spiegato: “Capita che gli stessi ragazzi, quando sentono la spiegazione da un altro insegnante che usa un linguaggio diverso, improvvisamente capiscano meglio quello che prima non riuscivano a comprendere. Lo studente non è un consumatore che sceglie. Sono i professori a scambiarsi le classi e le ore di lezione, arricchendo l’offerta didattica”.

Questa sperimentazione è stata avviata l’anno scorso con il 20% dei docenti. Adesso l’adesione si assesterà sul 40%. Gli insegnanti del prof sharing si sono organizzati in vario modo, a seconda delle esigenze. Alcuni si sono divisi le ore di lezione dall’inizio dell’anno, mentre altri scambiandosi solo per un periodo con blocchi di 8-10 ore.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0