Tempo di lettura: 3 Minuti

Scuoletta Montessori di Orbassano: qui è possibile iscriversi senza vaccinarsi

Scuoletta Montessori di Orbassano: qui è possibile iscriversi senza vaccinarsi

L’associazione culturale difende infatti il principio della libertà di scelta, alla base del metodo Montessori, grazie ad un particolare cavillo legal

Tutti provano le stories, solo Instagram ci riesce
Palermo: ragazzi disabili a scuola senza assistenti
E se i giovani americani fossero mammoni quanto noi?

L’associazione culturale difende infatti il principio della libertà di scelta, alla base del metodo Montessori, grazie ad un particolare cavillo legale che la esenta dal decreto Lorenzin.

Esiste a Orbassano, in Piemonte, una scuola molto particolare. Si chiama “ Scuoletta Montessori ” e ha aperto le porte lo scorso 27 luglio.

La Scuoletta non è una vera e propria scuola ma un’associazione culturale, formata dai genitori e dai propri figli che lì cercano un metodo di formazione diversa rispetto a quello imposto dal sistema scolastico italiano.

La scuola si basa su un metodo simile a quello dell’educazione parentale (“home schooling” come va di moda dire adesso), infatti gli studenti devono ogni anno passare gli esami da privatisi. Inoltre, la Scuoletta si basa sul metodo Montessori, garantendo così principi quali l’autocostruzione, l’attività spontanea e la libertà di scelta.

Proprio la libertà di scelta è alla base della possibilità di iscrivere presso l’associazione bambini anche non vaccinati, in contrasto con quanto ha previsto invece il decreto Lorenzin, ossia l’obbligo vaccinale per poter essere ammessi a scuola.

Alla Scuoletta di Orbassano, infatti, solo il 30% dei bambini presenti (su un totale di 130) è vaccinato, mentre gli altri non lo sono, rispettando così la libertà di scelta dei genitori.

La Scuoletta ha registrato quest’anno un enorme aumento delle iscrizioni, qualcosa di inimmaginabile, forse grazie proprio alla possibilità di poter non vaccinare i propri figli, oltre che istruirli attraverso un metodo differente.

Tutto questo è possibile grazie ad un cavillo giuridico che molto probabilmente permette alla Scuoletta di andare esente dalle prescrizioni di legge:

nello specifico, la Scuoletta è un’associazione e non una vera e propria scuola, come già anticipato. Il decreto Lorenzin, invece, è diretto esclusivamente alle scuole pubbliche, private e paritarie, non anche alle associazioni.

Il cavillo, non si sa se sfruttato appositamente o meno, ha permesso di raggiungere il tutto esaurito.
La Scuoletta non ci sta però ad essere etichettata come “No-Vax” ma sottolinea che unico obiettivo perseguito è garantire la libertà di scelta in tutto, anche nei vaccini…con i rischi che ne derivano in caso di eventuali malattie o diffusioni epidemiche.

La situazione (rischiosa) è balzata agli occhi anche al Ministero dell’Istruzione che sta studiando cosa fare, se è possibile. Intanto, anche L’Opera Nazionale Montessori ha preso posizione, disconoscendo la Scuoletta e negando qualsiasi rapporto tra il metodo e il movimento “No-Vax”.

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0